Consiglio Provinciale: Marcucci, massima attenzione per Montecchiani

marcucci umberto 2' di lettura 05/05/2010 - Il presidente del Consiglio provinciale, Umberto Marcucci, il 30 aprile scorso ha scritto al Segretario generale della Provincia affinché sia garantita la disponibilità di una autovettura delle ente per riaccompagnare a casa il consigliere Mirko Montecchiani quando le seduta del Consiglio si protraggono la sera fino a tardi, in orario non conciliabile con i mezzi pubblici.

Di questo ha dato comunicazione anche al consigliere interessato, assicurando la massima attenzione nei suoi confronti.

Lo stesso consigliere Montecchiani all’indomani dell’ultima seduta del Consiglio, dalla quale era uscito prima del termine per far ritorno a casa con i mezzi pubblici, aveva scritto a tutti i consiglieri in relazione alla discussione che si era sviluppata proprio a causa del fatto che lui era stato costretto ad abbandonare i lavori consiliari.


“Non chiederò (come previsto dalla legge 104/92) – aveva scritto Montecchiani – che venga convocato il Consiglio in orari compatibili con il funzionamento del mezzi pubblici, perché comprendo bene che ciò può costituire un problema per altri colleghi, ma al tempo stesso desidero che l’ente mi garantisca comunque il diritto di partecipare al Consiglio in modo sereno, poi, se ho la disponibilità di un amico, di un collega o di un familiare, sarà mia cura comunicarlo per tempo all’Ente in modo che non impegni l’autista, proprio come avevamo stabilito in Conferenza dei Capigruppo. Se c’è qualcuno di voi che offre la sua disponibilità, sarò la persona più felice del mondo perché avrò la possibilità di trascorrere un momento piacevole, ma di base il diritto mi deve essere garantito”.


In relazione al comunicato stampa diramato oggi dalla segreteria provinciale dell’Idv, il gruppo politico a cui Montecchiani appartiene, lo stesso consigliere ha espresso “apprezzamento per la vicinanza del partito e per aver sollevato un problema che va al di là della sua persona “, assicurando però che ritiene la questione ormai superata, stante l’assicurazione ricevuta dal presidente Marcucci.

Come aveva già scritto nella sua lettera ai colleghi il 30 aprile, Montecchiani ha ribadito oggi di “non permettere a nessuno di strumentalizzare il proprio handicap per fini politici” augurandosi comunque che l’ente gli “garantisca un diritto previsto dalla Costituzione Italiana. L’amicizia (e non la carità) che i colleghi di volta in volta vorranno dimostrarmi, sarà da me – ha scritto Montecchiani – ben accolta e ricambiata, ma deve esulare da quello che è un mio diritto”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-05-2010 alle 19:40 sul giornale del 06 maggio 2010 - 333 letture

In questo articolo si parla di politica, macerata, provincia di macerata