San Severino: l'evoluzione urbana della città alla 'Fiera del libro'

duomo san severino 2' di lettura 13/05/2010 - Il Comune di San Severino Marche è presente alla Fiera internazionale del Libro di Torino dove viene presentato il volume di Debora Bravi (edizioni MiERMa, 203 pag. 25 euro) “San Severino Marche. Lettura di una città attraverso la sua evoluzione urbana”, opera pubblicata con il patrocinio dell’assessorato alla Cultura.

L’autrice del volume racconta l’evolversi del sistema insediativo attraverso l’osservazione diretta delle tracce, ancora leggibili, lasciate dalla ricca e articolata cultura urbana. L’analisi svolta per periodi storici, presuppone, in ogni epoca, la convergenza dei dati raccolti da differenti fonti, quali le delibere, i documenti contrattuali, le relazioni di cantiere e quel corpus normativo, caratteristico dei centri medievali, costituito da statuti e catasti.

La ricerca, condotta sulle permanenze dei segni fisici del passato rilevabili sul tessuto, sui tracciati dei piani, sul locus, mira a spiegare le modalità e le intenzioni che hanno presieduto, di secolo in secolo, all’impianto e ai suoi sviluppi, seguendo un metodo che privilegia il contatto diretto al documento d’archivio, a volte carente di valide informazioni su specifici aspetti delle dinamiche evolutive.

Il volume si rivolge pertanto al lettore, al cittadino, la cui identità individuale si forma proprio in quello scenario di vita quotidiana che è la città, affinché ne conservi ogni immagine storica, ogni testimonianza riconoscibile su edifici e loro parti, segni di successive stratificazioni, memorie scritte delle esperienze di una comunità, da cui attingere per poter sempre ricominciare.

Debora Bravi, nata a San Severino Marche nel 1972, architetto, si è laureata presso l’Università di Firenze con la tesi Il centro storico di San Severino Marche: linee evolutive e di tutela. Ha conseguito il Diploma di Specializzazione in “Storia, Analisi e Valutazione dei Beni Architettonici e Ambientali”. Come cultore di storia locale ha scritto nel 2003 La piazza in San Severino Marche, indagine sui segni perduti, nel 2005 La città ornata. Architettura, artigianato e arredo urbano nei portici storici di San Severino Marche. Attualmente collabora con la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici delle Marche.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-05-2010 alle 17:42 sul giornale del 14 maggio 2010 - 581 letture

In questo articolo si parla di attualità, duomo, san severino marche, Comune di San Severino Marche, fiera internazionale del libro