Evasione fiscale: azienda chimica maceratese finisce nei guai

guardia di finanza 21/05/2010 - Dodici conti correnti bancari dislocati in vari istituti di credito, un terreno edificabile di oltre 5 mila metri quadrati ed un capannone industriale di 2 mila metri quadrati per un valore totale di oltre un milione di euro. Questi i beni posti a sequestro dalla Guardia di Finanza di Macerata ad un'azienda chimica della Provincia.

L'azienda infatti, secondo quanto accertato dal Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza, nel corso del 2007 e 2008 avrebbe dichiarato allo Stato meno di quanto ricavava. E l'evasione fiscale, reato di cui è accusata l'azienda chimica, si aggirerebbe intorno alla stessa somma: un milione di euro.





Questo è un articolo pubblicato il 21-05-2010 alle 00:47 sul giornale del 21 maggio 2010 - 652 letture

In questo articolo si parla di cronaca, guardia di finanza, Sudani Alice Scarpini, evasione fiscale





logoEV