San Severino: il duomo antico riapre in occasione della festa del patrono

22/05/2010 - Martedì 8 giugno, in occasione della festa del patrono San Severino, tornerà ad essere riaperto al culto il Duomo antico di Castello al Monte.

Ad annunciare l’evento è il sindaco di San Severino Marche, Cesare Martini, che con soddisfazione commenta così la notizia: “Questo luogo tanto caro ai settempedani è stato chiuso per quasi vent’anni, addirittura fin da prima del terremoto del settembre 1997. Abbiamo faticato molto non solo per poter dare avvio al cantiere per il recupero ed il restauro ma anche per portare a termine l’opera complessiva di restauro. Ci è voluta tutta la nostra perseveranza per riuscire nell’impresa che ora ci rende tutti orgogliosi”.

Per la riapertura è stata prevista una festa di tutta la città che sarà organizzata dall’Amministrazione locale insieme alla Pro Castello ed all’associazione Palio dei Castelli che vedrà la partecipazione dei figuranti del Palio con in prima fila i rappresentanti dei castelli e dei quartieri. Le celebrazioni inizieranno alle ore 9,30 con il ritrovo sotto la torre civica alla presenza della banda cittadina “Francesco Adriani”.

Alle 10 è prevista la cerimonia del taglio del nastro. A seguire si terrà la celebrazione di una santa messa che sarà presieduta dall’arcivescovo di Camerino – San Severino Marche, monsignor Francesco Giovanni Brugnaro, e concelebrata dal vescovo di Ancona, monsignor Edoardo Menichelli, da padre Luigi Rottini, abate presidente della Congregazione di San Bernardo in Italia, e dai sacerdoti di tutta la vicaria. Presterà servizio il coro di Sant’Agostino diretto dalla maestra Morena Rinaldi ed accompagnato all’organo dal maestro Riccardo Lorenzetti.


Al termine della funzione religiosa verrà officiata l’Offerta dei Ceri del Palio dei Castelli che ha già messo a disposizione i gruppi dei tamburini e della chiarine per rendere ancor più suggestivi sia l’ingresso che l’uscita dalla chiesa da parte dei fedeli. Sono stati invitati alla celebrazione anche i sindaci della vecchia diocesi di San Severino Marche, Apiro, San Vicino e Treia oltre alle autorità politiche, civili e militari.


Con la riapertura, oltre a prendere visione della maestosità del ristrutturato Duomo antico, finalmente si potrà riascoltare anche il suono dell’imponente organo, uno dei più importanti d’Italia, e prendere visione dello stupendo coro intarsiato da Domenico Indivini.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2010 alle 15:05 sul giornale del 24 maggio 2010 - 404 letture

In questo articolo si parla di san severino marche, Comune di San Severino Marche, apertura, Duomo antico di Castello al Monte, patrono San Severino