San Severino: Martini sulla gestione del calore, 'L'opposizione sbaglia di grosso'

Cesare Martini 18/02/2011 -

“L’opposizione rischia di scottarsi sull’argomento calore. Il Pdl sbaglia, e di grosso, attaccando l’Amministrazione sulla delibera con cui è stato rinnovato il servizio di gestione degli impianti attivi negli immobili di proprietà dell’ente”. Il sindaco di San Severino Marche, Cesare Martini, replica così al capogruppo azzurro, Gilberto Chiodi, che parla di una delibera sbagliata e poco conveniente.



“Chiodi ed i suoi – sottolinea Martini – possono rivolgersi alla Corte dei Conti ed a chi vogliono, ogni atto di questa Amministrazione è stato sempre trasparente. Cosa che, però, non è forse avvenuta in passato visto che nel 2006, tanto per citare fatti concreti, venne rinnovato l’incarico per la gestione degli spazi pubblicitari e le pubbliche affissioni all’Ica per un periodo di sei anni, quando allora la legge consentiva rinnovi fino ad un massimo di tre anni. Peraltro la conferma avvenne a febbraio, tre mesi mesi prima delle elezioni, e dieci mesi prima della naturale scadenza del vecchio contratto. Quel rinnovo, per essere ancora più precisi, non solo violava le norme ma venne fatto – aggiunge il primo cittadino – in un periodo in cui vi erano molte contestazioni relative allo svolgimento del servizio che poteva essere affidato all’Assem. Quanto alle vicende dei giorni nostri va detto che con tale accordo il Comune risparmia quasi 500 mila euro: oltre allo sconto del 6%, riconosciuto dalla stessa opposizione, avremo un contributo di 200mila euro subito e di altri 170mila euro quale vecchio debito.

Inoltre, come se non bastasse ciò per giudicare conveniente l’operazione, l’Amministrazione potrà contare, grazie ad una joint venture fra pubblico e privato, su una serie di lavori, in parte già realizzati dalla società appaltante: pannelli solari, impianti a biomasse e caldaie a condensazione al posto delle vecchie centrali termiche. Grazie a questi interventi l’Amministrazione ha fatto anche una scelta “ecologista” che porterà un importante vantaggio economico nel tempo. Fino ad oggi gli interventi hanno interessato gli spogliatoi del campo sportivo “Soverchia”, la scuola materna ed elementare della frazione di Cesolo, l’asilo nido e la scuola materna di via Talpa. Nell’impianto sportivo comunale è stata completamente rifatta la centrale termica e si è provveduto all’installazione di una centrale premiscelata a condensazione abbinata a pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria.

Nella scuola di Cesolo le tradizionali caldaie atmosferiche a metano sono state sostituite da una caldaia con alimentazione a cippato. Nell’edificio di via Talpa, infine, l’intervento ha interessato sia la centrale termica che l’impianto interno di distribuzione sino ai singoli terminali. Il vecchio generatore, alimentato ad olio combustibile, è stato sostituito da un nuovo generatore alimentato a gas metano. Questi sono i fatti veri – conclude Martini, che aggiunge da ultimo - tutto il resto sono chiacchiere”.


da Cesare Martini
Sindaco San Severino Marche




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-02-2011 alle 15:33 sul giornale del 19 febbraio 2011 - 681 letture

In questo articolo si parla di politica, san severino, Cesare Martini, gestione del calore

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hyX