Direzione territoriale del lavoro e pari opportunità, un protocollo contro le discriminazioni

Pierluigi Rausei e Anna Corignali 3' di lettura 10/12/2011 -

La Direzione Territoriale del Lavoro di Macerata, nella persona del Direttore, dott. Pierluigi Rausei, e l’Ufficio Provinciale della Consigliera di Parità, nella persona della Consigliera di Parità della Provincia di Macerata, Avv. Anna Corignali hanno sottoscritto un importante Protocollo di Intesa che è volto a consentire alle lavoratrici e ai lavoratori, ma anche alle imprese, del territorio maceratese, di ottenere un intervento sinergico e completo dal punto di vista istituzionale rispetto alla tutela delle questioni di genere e alla corretta attuazione delle norme che contrastano le diverse forme di discriminazione e che tutelano le pari opportunità.



La Consigliera di Parità, nominata dal Ministro del Lavoro, promuove e controlla l'attuazione dei principi di uguaglianza di opportunità e non discriminazione tra uomini e donne, nel lavoro (Codice delle Pari Opportunità, decreto legislativo 11 aprile 2006 n. 198). La figura della Consigliera è istituita a livello nazionale, presso il Ministero del Lavoro, e ai livelli regionale e provinciale, rispettivamente presso le Regioni e le Province. Nell'esercizio delle proprie funzioni la Consigliera di parità è un pubblico ufficiale e ha l'obbligo di segnalare all'Autorità giudiziaria i reati di cui viene a conoscenza, di conseguenza la peculiarità della figura della Consigliera consiste in una doppia funzione istituzionale: di vigilanza contro le discriminazioni di genere e di promozione di parità e pari opportunità. In attuazione dell’art. 5 del Protocollo d’intesa stipulato in data 25 giugno 2007 il Ministero del Lavoro e la Rete Nazionale delle Consigliere e dei Consiglieri di Parità, la Direzione Territoriale del Lavoro di Macerata il 15 aprile 2010 aveva già sottoscritto un primo Protocollo d’intesa con la Consigliera di parità della Provincia di Macerata, che in data odierna è stato implementato e innovato per conseguire una fattiva collaborazione, secondo le rispettive competenze, impegnandosi a porre in essere ogni iniziativa utile a favorire la piena applicazione delle disposizioni in materia di parità e pari opportunità tra uomo e donna, e allo scopo di prevenire e rimuovere ogni forma di discriminazione.

Nel Protocollo d’Intesa sono state concordate azioni di intervento atte ad acquisire informazioni sulla situazione occupazionale maschile e femminile, ai sensi e per gli effetti dell’art. 15, comma 4, del Codice delle pari opportunità, ma anche l’impegno della Direzione Territoriale del Lavoro ad esaminare con sollecitudine i casi di denuncia di situazioni discriminatorie, riconoscendo ad essi priorità nella programmazione dell’attività ispettiva. La Consigliera di Parità si è altresì impegnata a segnalare alla Direzione Territoriale del lavoro ogni circostanza utile ad implementare l’attività di vigilanza nei confronti dei soggetti deboli. Il Protocollo maceratese disciplina l’informativa che periodicamente la Direzione del Lavoro si è impegnata a fornire all’Ufficio della Consigliera di Parità in merito a dati statistici disaggregati per genere con riferimento alle attività istituzionali proprie della Direzione. Si segnala, inoltre, l’innovativa possibilità offerta ai cittadini, di poter disporre della presenza della Consigliera di Parità in un apposito Ufficio della Direzione territoriale del lavoro per raccogliere informative o richieste di intervento dalle lavoratrici o dai lavoratori che ritengano di aver subito o di poter subire discriminazioni di genere. Gli incontri si terranno il giovedì e il venerdì mattina previo appuntamento da richiedersi a mezzo telefono 349 8822069 oppure a mezzo fax 0733 248331 o ancora a mezzo e-mail consiglieraparita@provincia.mc.it.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-12-2011 alle 19:00 sul giornale del 12 dicembre 2011 - 472 letture

In questo articolo si parla di attualità, pari opportunità, macerata, provincia di macerata





logoEV