San Severino: intitolate due nuove vie agli eroi della Resitenza

1' di lettura 12/06/2012 - La Giunta comunale di San Severino Marche ha deliberato di intitolare due nuove vie, in località Serripola, a due eroi della Resistenza.

Sono Mario Depangher, antifascista istriano comandante del Battaglione Mario, designato sindaco della città dal Comitato di Liberazione Nazionale, e Mosè Di Segni, medico partigiano il cui nome era stato inserito nella lista degli ostaggi destinati alla deportazione che trovò rifugio a Serripola nella villa del farmacista Giulio Strampelli e che prestò un validissimo servizio di assistenza sanitaria, con il Battaglione Mario, salvando molte vite umane.

La nuova strada intitolata a Depangher conduce dalla località di Orpiano al centro abitato di Serripola mentre quella intitolata a Di Segni si trova nel cuore del centro abitato di quest’ultima frazione.

La Giunta settempedana ha inoltre deciso di aggiornare la toponomastica intitolando due altre vie nella stessa zona: una, quella che va dal capoluogo al centro abitato, prenderà il nome di via Corta di Serripola, mentre una seconda, laterale a destra della comunale, prenderà il nome di via Orpiana.

Il Comune di San Severino Marche di recente ha conferito ai figli di Mosè Di Segni, i fratelli Frida, Elio e Riccardo, attuale rabbino capo di Roma, la cittadinanza onoraria.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-06-2012 alle 16:17 sul giornale del 13 giugno 2012 - 401 letture

In questo articolo si parla di attualità, san severino marche, Comune di San Severino Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/AhR





logoEV