San Severino: Consiglio comunale respinge all'unanimità nuova programmazione sanitaria

ospedale di san severino marche 2' di lettura 14/06/2012 - Il Consiglio comunale di San Severino Marche, riunito in seduta d’urgenza, ha “respinto con decisione” i principi ispiratori del Piano d’Area Vasta 3, presentato alle organizzazioni sindacali mediche e del comparto, in attuazione del Piano socio sanitario 2012-2014.

L’assise settempedana, col voto unanime di tutti i consiglieri, ha definitivo “offensivi nei confronti dei cittadini, delle istituzioni e delle risorse umane del presidio ospedaliero Bartolomeo Eustachio, gli stessi principi cui il documento fa riferimento” e si è impegnata a “sostenere con forza, anche attraverso iniziative di spessore, la necessità del mantenimento delle strutture distrettuali, di prevenzione e di assistenza ospedaliera, date le caratteristiche del territorio e la penalizzazione della viabilità”.

Dal Consiglio comunale di San Severino Marche è stato inoltre chiesto “di mantenere, nel presidio settempedano, il punto di Pronto Soccorso con le dotazioni strumentali e di personale previste dalla vigente normativa”. Da ultimo l’assemblea ha “rifiutato ogni ipotesi di delocalizzazione delle funzioni ospedaliere della struttura al di fuori del territorio cittadino”, ha sollecitato la direzione generale dell’Area Vasta “all’esecuzione delle nomine dei primari attualmente vacanti” e domandato di “coinvolgere concretamente le forze istituzionali, politiche e sociali” con l’invio della apposita delibera consiliare che prevede tutto ciò al presidente della Giunta regionale delle Marche, all’assessore regionale alla Sanità, al direttore generale dell’Asur ed al direttore del Dipartimento per la salute e per i servizi sociali.

Nella premessa al documento sottoscritto da tutti i consiglieri, si ricorda che l’ospedale di San Severino Marche costituisce “un importantissimo punto di riferimento per l’intera valle del Potenza, per l’alta valle del Musone e per l’alta valle dell’Esino, in quanto unico ospedale presente nel territorio” e si sottolinea “l’elevata mobilità attiva provinciale, regionale ed extra regionale, nonché l’elevata percentuale di utilizzo dei posti letto per acuti”.

Le problematiche relative alla situazione sanitaria attuale e futura saranno trattate, d’ora in avanti, anche dalla Commissione comunale paritetica riattivata con voto unanime dal Consiglio comunale di San Severino Marche. La Commissione, già istituita nel 1998, sarà composta complessivamente da sei membri. Ne faranno parte, infatti, l’assessore comunale alla Sanità, che ne sarà anche presidente, tre commissari di estrazione consiliare, di cui due nominati dalla minoranza e uno dalla maggioranza, e da due tecnici esterni nominati sempre dai due schieramenti di governo e d’opposizione.

Tra le competenze della Commissione rientrerà tutto ciò che concerne la sanità ovvero la prevenzione, l’assistenza distrettuale e l’assistenza ospedaliera. Il presidente, di sua iniziativa o a seguito della richiesta che gli verrà presentata da almeno due membri, avrà facoltà di convocare l’organismo in tempi rapidi. Un membro di minoranza, designato all’interno della Commissione, parteciperà con il presidente agli incontri ufficiali con la direzione dell’Area Vasta.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-06-2012 alle 15:11 sul giornale del 15 giugno 2012 - 420 letture

In questo articolo si parla di politica, san severino marche, Comune di San Severino Marche, ospedale di san severino marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/AnZ





logoEV