La galleria 'La Franca' va rinforzata: confermate le ipotesi della trasmissione Report

Galleria La Franca 1' di lettura 04/06/2015 - Gli operai intervistati da Report due mesi fa avevano ragione (leggi l'articolo). Sopra la Galleria 'La Franca', situata tra Marche ed Umbria nel tratto ancora non aperto della superstrada Civitanova-Foligno, è stato messo meno cemento del previsto.

In un primo momento gli esiti dei controlli sembravano smentire questa ipotesi, invece proprio la trasmissione televisiva è tornata sulla vicenda con un nuovo servizio e con il risultato di altri sondaggi più accurati.

A rivelarli è il nuovo presidente dell'Anas Armani: "Ci sono delle non conformità - si legge su corriere.it - in particolare nei sottospessori. Rispetto al progetto, che prevedeva 50 cm di calcestruzzo, in un 10% della galleria lo spessore è di 20 cm. Questo significa che la galleria va rinforzata in alcuni punti."

"Quello che dicevano gli operai quindi in buona parte è vero - continua Gianni Armani - ci sono dei sottospessori, ma non ci risultano vuoti sopra la calotta. Bisognerà rimediare con delle centine e dei rinforzi in acciaio e cemento armato su questi punti specifici della galleria."

Il nuovo presidente ha poi confermato di voler rivedere le strategie di Anas, facendola finita con il meccanismo che prevede la nomina del direttore dei lavori da parte del vincitore dell'appalto. In questo modo chi realizza l'opera ha il totale controllo dei lavori in corso. Proprio per questo l'azienda sta effettuando ulteriori verifiche anche su altre opere costruite negli ultimi anni.

Il nuovo servizio di Report con l'intervista integrale ad Armani andrà in onda domenica sera, alle 21 e 45, su Rai 3.






Questo è un articolo pubblicato il 04-06-2015 alle 11:52 sul giornale del 05 giugno 2015 - 1996 letture

In questo articolo si parla di cronaca, marche, umbria, galleria, ss77, civitanova-foligno, Riccardo Antonelli, articolo, la franca, galleria la franca

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/akiJ


1) chi è che effettua i controlli deve essere allontanato perché non è possibile che sia sfuggita questa grave situazione emersa grazie a rubriche televisive);
2) questo è uno dei perché è necessario fare opere pubbliche cioè far lucrare il privato per il niente;
3) chi risponderà di tutto questo? probabilmente nessuno. Ed intanto per il disavanzo pubblico non si possono dare gli adeguamenti sulle pensioni (nonostante la sentenza della corte costituzionale) e gli adeguamenti contrattuali per gli statali (prossimo giudizio della corte costituzionale) perché a tutto deve pagare pantalone.




logoEV