Tenta di bruciare la cocaina nella stufa: arrestato un operaio residente a Sarnano

Carabinieri 15/03/2016 - Se l'è vista talmente brutta che ha deciso di gettare la cocaina nella stufa ancora accesa. I Carabinieri però sono stati più veloci del fuoco ed hanno recuperato la droga ormai solida e cristallizzata.

A finire nei guai è stato un operaio macedone residente a Sarnano di 35 anni. L'uomo era tenuto sotto controllo da tempo e solo lunedì sera è stato scoperto mentre passava un involucro sospetto ad un ragazzo di Amandola. Le forze dell'ordine sono subito entrate in azione, scoprendo che si trattava di cocaina e procedendo quindi alla perquisizione dell'appartamento del macedone. Al loro arrivo il 35enne ha tentato di disfarsi della sostanza stupefacente bruciandola nella stufa, ma il tempestivo intervento dei carabinieri ha reso il suo tentativo vano. Alla fine il 'blocco' recuperato pesava 140 grammi: inoltre in un armadio è stata rinvenuta un'altra dose insieme ad un bilancino di precisione. 

Il macedone è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari in attesa della sentenza del giudice.

(immagine di repertorio)





Questo è un articolo pubblicato il 15-03-2016 alle 12:14 sul giornale del 16 marzo 2016 - 752 letture

In questo articolo si parla di cronaca, sarnano, cocaina, Riccardo Antonelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/auP9