Lo storico dell'arte Paolucci inaugurerà la Pinacoteca: "San Severino capitale dell'arte"

16/03/2016 - La città di San Severino Marche si appresta a salutare un evento nell’evento, la visita del direttore dei Musei Vaticani, Antonio Paolucci, fra i maggiori storici dell’arte in Italia e già ministro per i Beni Culturali e Ambientali oltre che soprintendente per il Polo Museale Fiorentino, in programma per sabato prossimo (19 marzo) in occasione del taglio del nastro del riallestimento generale ma anche dei nuovi percorsi, dedicati all’arte del Barocco, della pinacoteca civica “Padre Tacchi Venturi”.

Paolucci in passato ha parlato di San Severino Marche come di “Capitale dell’arte insieme a Milano, Venezia, Bologna, Napoli, Perugia e Palermo ma anche Urbino, Mantova, Cremona, Bergamo e Rimini”. A commento di una classifica dei visitatori nei grandi musei, Paolucci ha sottolineato, tra l’altro: “Sotto il cielo d’Italia il museo è dappertutto, si moltiplica in innumerevoli aggregazioni, tutte affascinanti. E’ questo, e cioè la ubiquità e la pervasività della bellezza che è dappertutto ed entra dappertutto, il vero carattere distintivo dell’Italia storica, quello che ci fa unici e invidiati al mondo”. Il direttore dei Musei Vaticani in questo contesto inserì San Severino fra le “cento Capitali dell’arte, ognuna delle quali ha prodotto capolavori che, se messi tutti insieme, farebbero in assoluto il museo più bello e più grande del mondo”.

La cerimonia che precederà l’inaugurazione dei nuovi spazi espositivi è prevista per le ore 16 al teatro Feronia, in piazza Del Popolo, dove Paolucci terrà una lectio magistralis dopo i saluti del sindaco, Cesare Martini, dell’assessore comunale allo Sviluppo Culturale, Simona Gregori, del segretario della commissione Cultura presso la Camera dei Deputati, Irene Manzi, del direttore unico dei Musei arcidiocesani, Pierluigi Falaschi, del vicario foraneo dell’Arcidiocesi di Camerino – San Severino Marche, Aldo Romagnoli. Previsti poi gli interventi di Luca Maria Cristini, progettista dei lavori, e di Alessandro Marchi, direttore scientifico dell’allestimento. A seguire il trasferimento nella sede della Pinacoteca, in via Salimbeni 39.






Questo è un articolo pubblicato il 16-03-2016 alle 15:30 sul giornale del 17 marzo 2016 - 718 letture

In questo articolo si parla di cultura, san severino marche, pinacoteca, daniele pallotta, antonio paolucci, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/auTj