Lectio Magistralis di Pant a Matelica: "Imprenditori italiani come samurai"

21/03/2016 - Ricco di spunti di riflessione l'incontro che sabato mattina Citynet Srl ha organizzato presso la sede della Master Group Srl di Matelica sul tema del management e del miglioramento della leadership in azienda.

A parlare ai dipendenti della Master Group Srl, l'antropologo di fama internazionale nonché docente universitario di economia e guru dello sviluppo sostenibile Dipak Raj Pant, che ha tenuto una Lectio Magistralis dal titolo “L'azienda come valore condiviso e la responsabilità dei singoli”.

La giornata, inserita nel contesto delle attività di marketing strategico e di consulenza svolte da Citynet Srl, aveva l'intento di creare all'interno della Master Group Srl un'opportunità di confronto su temi di management, capitale umano e leadership in azienda, offrendo spunti strategici e una veduta più ampia sull’organizzazione aziendale, sull’efficienza manageriale e sullo sviluppo delle risorse umane.

Un'esperienza importante, estremamente variegata, quella costruita negli anni dal professor Pant. Avventuriero vero nel mondo, profondo conoscitore delle culture e delle popolazioni, specialmente di quelle delle terre più estreme, Pant ha partecipato come capo missione a numerose spedizioni scientifiche nelle aree impervie e marginali del pianeta ed ha applicato con successo la sua conoscenza delle vicende dell'uomo all'economia e al business internazionale e all'organizzazione aziendale. Particolarmente affezionato all'Italia, dove lavora e vive per buona parte dell'anno, Pant ha aperto la mattinata tracciando una profonda differenza tra gli imprenditori italiani e l'alta finanza mondiale.

“Gli imprenditori italiani sono come samurai – ha spiegato Pant – combattono a volto scoperto, hanno un nome e un cognome, si rapportano ad una microsocietà affettiva che in qualche modo li responsabilizza, li fa restare in contatto con la realtà. Coloro che operano nella finanza invece sono come dei ninja, non sai chi sono, si muovono di nascosto. Questa è la profonda differenza, che mi ha spinto a voler dare il mio contributo alle organizzazioni imprenditoriali italiane, che sono il frutto di una tradizione millenaria, di uomini e donne che hanno nel proprio DNA arte, buon cibo, qualità della vita e ricchezza ambientale, bellezza ed estetica, poesia e letteratura, storia e cultura. Del resto, lo stile italiano è ambito e replicato in tutto il mondo. E l'Italia, nonostante tutto, eccelle ancora”.

Al centro delle riflessioni, costruite con il contributo dei presenti sulla dialettica dell'Ing. Boldrini (Fondatore e Presidente di Master Group Srl) e del Dott. Sanchioni (Fondatore e Ceo di Citynet Srl) il vero nodo cruciale della gestione dell'impresa, la relazione tra le persona che la compongono: da una parte il ruolo di un leader vero, capo-carovana di un'azienda di successo che sa come esprimere fiducia nei suoi collaboratori e al tempo stesso sa fidarsi di loro, arricchirsi delle esperienze di ciascuno e formare strategie condivise; dall'altra il ruolo degli stessi lavoratori, che non sono più "semplicemente" dipendenti, ma divengono in prospettiva coprotagonisti di un progetto al quale sono chiamati a dare il loro forte contributo. Diversi i piani sui quali ognuno deve lavorare per dare il meglio di sé.

Il professore ha invitato i collaboratori ad un continuo aggiornamento personale e professionale, a dedicarsi ad hobby, passioni e interessi che inevitabilmente migliorano la qualità della persona stessa e quindi ricadono positivamente anche sul proprio lavoro. “Allo stesso tempo – ha affermato Pant – anche l'azienda deve promuovere momenti di formazione e di condivisione necessari a costruire una visione globale del gruppo lavorativo. È importante investire su se stessi, avere delle idee, coltivare la propria persona e la propria interiorità. Questo atteggiamento sta alla base di qualsiasi attività umana, prima di tutto quella professionale, che è continuamente sottoposta a stimoli, cambiamenti, innovazione, sviluppo, novità. Avere idee è garanzia anche di salute”.

Tanti, e di varia natura, gli argomenti attraverso i quali si è snodata la riflessione di Dipak Pant, arricchita anche grazie agli interventi dei numerosi collaboratori dell'uditorio. Grande soddisfazione espressa dagli organizzatori della mattinata di formazione. “Ospitiamo nella nostra azienda un protagonista, un grande esperto come Dipak Pant – hanno detto all'apertura della Lectio – per noi è un grande onore e un immenso piacere e siamo certi che sapremo fare tesoro della sua esperienza e i preziosi suggerimenti che vorrà darci. Stiamo già lavorando affinché torni a trovarci, per proseguire insieme il percorso iniziato questa mattina”.

Master Group Srl ha trovato con Pant un nuovo punto di vista da coltivare nel campo della propria organizzazione, grazie al supporto strategico di Citynet Srl: la Lectio Magistralis è stata insomma un'altra occasione forte per dare al territorio nuova consapevolezza e nuove potenzialità.


da Comunicamonti
Comunicazione e formazione







Questo è un articolo pubblicato il 21-03-2016 alle 12:32 sul giornale del 22 marzo 2016 - 1562 letture

In questo articolo si parla di matelica, comunicamonti, dipak pant

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/au5N