Consiglio comunale di San Severino aperto da un minuto di silenzio: un odg anche per Regeni

Giulio regeni 25/03/2016 - Il Consiglio comunale di San Severino Marche ha osservato, in apertura dell’ultima seduta del 24 marzo, un minuto di silenzio per ricordare le vittime e i feriti dell’attentato jihadista di Bruxelles.

Prima del minuto di raccoglimento il presidente dell’Assise settempedana, Ostilio Beni, ha anche ricordato le vittime del tragico incidente occorso in Spagna a un pullman che trasportava studenti del progetto Erasmus.

Nel corso della seduta è stato votato all’unanimità un ordine del giorno presentato dalla consigliera Alessandra Aronne (Sinistra Italiana – Sel) in cui è stata chiesta giustizia per Giulio Regeni, ricercatore e dottorando italiano di 28 anni scomparso a Giza, in Egitto, a fine gennaio e trovato senza vita pochi giorni dopo. Regeni si trovava in Egitto per compiere degli studi riguardanti il suo corso di dottorato di ricerca in politiche internazionali che stava svolgendo presso l’Università di Cambridge. Nell’Ordine del Giorno il Consiglio ha chiesto di “sollecitare il Parlamento e il Governo italiano affinché si attivino in tutte le sedi internazionali preposte per far luce sulla morte di Giulio” domandando di inviare la delibera dell’Assise ai presidente della Camera e del Senato e ai presidenti dei Consigli comunali d’Italia per la votazione di atti simili.






Questo è un articolo pubblicato il 25-03-2016 alle 13:55 sul giornale del 26 marzo 2016 - 484 letture

In questo articolo si parla di politica, san severino marche, daniele pallotta, articolo, regeni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aveQ