Dagli scout del Veneto due tensostrutture per San Severino

06/02/2017 - Un tetto per ritrovarsi perché anche socializzare, in piena emergenza terremoto, è importante.

E’ un dono prezioso quello che hanno ricevuto dagli scout del Veneto gli ospiti delle aree camper allestite dal Comune di San Severino Marche nel rione Settempeda e nel parcheggio dell’ospedale civile “Bartolomeo Eustachio”.

Si tratta di due tensostrutture, di ottanta metri quadrati ciascuna, montate da una quindicina di volontari della Protezione civile dell’Agesci Veneto, coordinata dall’incaricato regionale Enrico Bonato, dotate di riscaldamento e, dunque, completamente autonome. I nuovi spazi saranno utilizzati per ritrovarsi ma anche per consentire ai bambini, che vivono nei camper e nelle roulotte delle due aree, di passare qualche ora di svago al coperto. Gli spazi potranno essere utilizzati anche dagli anziani, magari per fare una partita a carte, e dalle famiglie per momenti di convivialità e incontri.

Alla consegna delle due tensostrutture ha preso parte anche il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, che ha voluto ringraziare i tanti volontari presenti e l’Agesci Veneto per il prezioso dono alla comunità settempedana ferita dal terremoto ma colpita da profondi gesti di solidarietà come quello che ha interessato gli ospiti delle due aree camper.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-02-2017 alle 14:12 sul giornale del 07 febbraio 2017 - 816 letture

In questo articolo si parla di attualità, terremoto, san severino marche, Comune di San Severino Marche, veneto, agesci veneto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aF0A