Prepararsi al pranzo di Natale con una dieta leggera

3' di lettura 07/12/2017 - Natale si avvicina a grandi passi, e con esso una lunga serie di pranzi, cene in famiglia e aperitivi con gli amici. Rinunciare ai cibi ricchi e calorici di questo periodo è tecnicamente impossibile. Prepararsi alle inevitabili abbuffate mangiando in modo sano ed equilibrato nei giorni precedenti è al contrario una soluzione alla portata di tutti. Ecco alcuni suggerimenti per dire addio ai sensi di colpa durante le feste.

COLAZIONE NUTRIENTE ED EQUILIBRATA - La colazione non va saltata, né prima né durante le feste, ma deve essere nutriente e fornirci l'energia proporzionata alle attività da svolgere dal risveglio all'ora di pranzo. Cereali come i fiocchi d'avena, latte o yogurt e frutta fresca sono un esempio di colazione sana ed equilibrata, da adottare indipendentemente dal periodo dell'anno. Noci, nocciole, mandorle e arachidi, tipicamente natalizie, garantiscono una buona dose di grassi utili e proteine da aggiungere ai cereali.

CARNI BIANCHE, PASTA E PESCE A PRANZO - Non è ancora tempo di cappelletti in brodo, maccheroncini di Campofilone e Verdicchio, ma ci si può preparare a questo atteso momento lasciando impostare il fegato e lo stomaco con ricette alternative. Un piatto di pasta al tonno, scaloppine al limone, insalata di polpo e filetti di merluzzo, a esempio, sono gustose soluzioni da provare.

VERDURE E CEREALI PER UNA CENA LEGGERA - Una cena a base di vitamine, fibre e carboidrati a rilascio lento, con la minore quantità possibile di grassi, è l'ideale per prepararsi alle feste senza stressare il nostro organismo, ma anche per addormentarsi serenamente, in quanto questo tipo di zuccheri favorisce la produzione di melatonina e serotonina. Non è necessario, tuttavia, limitarsi ad un'insalata verde: c'è modo è modo di cambiare le proprie abitudini in cucina, senza dover soffrire. I piatti da mangiare a cena per non ingrassare sono numerosi e vanno dalle classiche zuppe di verdure (funghi, zucca e patate, ad esempio) ai meno tradizionali hamburger di quinoa con patate al forno, passando per le polpette di ceci con verdure alla griglia e le penne integrali con un ragù di verdure.

LIMITARE IL SUPERFLUO: CONDIMENTI, ALCOLICI E BEVANDE ZUCCHERATE - L'olio extravergine d'oliva delle Marche, che si è finalmente visto riconoscere il marchio Igp, resta il condimento ideale insieme all'aceto. Le salse e la maionese, vanno evitati per non appesantire l'organismo con grassi in eccesso. Le bevande zuccherate e gli alcolici, ugualmente, possono essere ridotti o evitati almeno per un certo periodo, sapendo che li si potrà ritrovare sulla tavola di Natale.

QUESTIONE DI QUANTITA' - La quantità di cibo che si assume è essenziale: se pranzare con riso o pasta non è un problema quando la porzione è moderata, un piatto da 250 grammi di penne non aiuterà a prepararsi meglio al Natale. Lo stesso discorso vale per gli spuntini tra un pasto e l'altro.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-12-2017 alle 16:48 sul giornale del 09 dicembre 2017 - 719 letture

In questo articolo si parla di attualità, dieta, pranzo di natale, cena di natale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aPGN