La Tirreno-Adriatico sceglie di nuovo l'entroterra: si arriva a Sarnano e si riparte da Castelraimondo

12/01/2018 - La corsa ciclistica Tirreno-Adriatico farà di nuovo tappa nell'entroterra maceratese.

L'edizione 2018 prevede l'arrivo della quarta tappa a Sarnano, per la precisione a Sassotetto, mentre il giorno dopo i partecipanti ripartiranno da Castelraimondo diretti a Filottrano.

Le due tappe sono previste per sabato 10 e domenica 11 marzo, mentre in generale la corsa partirà il 7 marzo da Lido Camaiore e terminerà a San Benedetto del Tronto il 13 dello stesso mese.

"La prima è la tappa più dura con arrivo in salita. Partiti da Foligno e superato il valico di Colfiorito inizia una sequenza di salite e discese che non ha attimi di respiro fino all’arrivo - si legge nelle note di gara - Si scalano tra le altre le salite di San Ginesio, Gualdo e Penna San Giovanni che sono classificate GPM. Il tracciato si presenta estremamente articolato sia altimetricamente che planimetricamente. Si svolge prevalentemente su strade con fondo da buono a leggermente usurato e dalla carreggiata di media dimensione. Salita finale al Sassotetto da Sarnano di 14.2 km al 5.8% di media e con massime fino al 12%."

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Sarnano, Franco Ceregioli. "Sarà un evento mediatico unico, probabilmente il più grande che Sarnano abbia mai ospitato, un'opportunità fantastica per poter valorizzare il nostro territorio e soprattutto la nostra montagna - ha scritto su Facebook il primo cittadino - Più di due ore di diretta Rai, centinaia di giornalisti, una carovana tra ciclisti e addetti ai lavori di diverse centinaia di persone, eventi collaterali. È stato un lavoro lunghissimo: da mesi l'assessore Luca Piergentili ha tenuto i contatti con la RCS e alla fine siamo riusciti ad ottenere questo risultato eccezionale."

Domenica invece spazio alla tappa dei Muri con Castelraimondo protagonista. Dall'entroterra si scenderà verso San Severino, Passo di Treia e Morrovalle per poi arrivare a Filottrano. "Inizia in leggera e costante discesa per raggiungere la zona dei muri dove si ha un primo assaggio salendo a Montelupone (strada “normale” non il Muro famoso) per arrivare al lungomare attraverso Porto Recanati - si legge ancora nelle note di gara - Si affrontano quindi Castelfidardo e Osimo per entrare quindi nel circuito di Filottrano di 16.1 km da ripetere due volte. Da notare che non si passa sotto l’arrivo, ma a circa 500m svoltando a sinistra. All’ultimo giro si svolta a destra e si percorre l’ultimo tratto per raggiungere l’arrivo".

Moreno Pieroni, Assessore al Turismo-Cultura della Regione Marche, ha detto: “Si ripete questa importante collaborazione con la Tirreno-Adriatico perché siamo convinti che lo Sport e il Ciclismo in particolare, siano un biglietto da visita importante per veicolare l’immagine di una regione dove lo stile di vita corrisponde al benessere e alla qualità dell’ambiente. Un’alleanza valida, dunque, con una manifestazione sportiva storica, che ha un grandissimo seguito a livello internazionale non solo sotto il profilo strettamente sportivo, ma per i valori che sa diffondere. Come quelli simbolizzati dal nostro compianto Michele Scarponi, che la vinse nel 2009 e a cui è stata dedicata una tappa nella sua città, Filottrano. Del resto pensare alla “Corsa dei due mari” come azione promozionale, già inserita nel piano triennale della promozione turistica, è perfettamente coerente con la progettualità di valorizzare ancor più le Marche del Bike, del cicloturismo e dei nostri paesaggi. Insomma, nella terra più amata dai cicloturisti non è un caso che le tappe e le località toccate dalla Tirreno-Adriatico siano le più numerose e le più varie, dalla montagna, alla collina, al mare a conferma della ineguagliabile diversità del nostro territorio. Siamo sicuri che le Marche sapranno ben accogliere questa importante gara di inizio stagione dimostrando tutta la capacità di saper “fare squadra” nelle occasioni di eccellenza”.

A vincere l'ultima Tirreno-Adriatico fu Nairo Quintana. Questo non è l'unico appuntamento con il ciclismo previsto per il 2018 nell'entroterra maceratese. A maggio infatti è atteso anche il passaggio del Giro d'Italia (leggi).

(nelle foto sotto planimetrie e altimetrie delle due tappe, clicca sulle immagini per ingrandire)







Questo è un articolo pubblicato il 12-01-2018 alle 14:12 sul giornale del 13 gennaio 2018 - 2998 letture

In questo articolo si parla di sport, castelraimondo, san severino marche, sarnano, Tirreno Adriatico, Riccardo Antonelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQCG