Anno d'oro per la Vigor Basket Matelica, la presidente: "Ottimista per il nuovo palazzetto"

08/02/2018 - Quello scorso è stato l’ennesimo weekend denso di soddisfazioni per tutti gli atleti in maglia Vigor Halley di tutte le età e per i loro tifosi.

Dei tanti squilli biancorossi, di sicuro questa settimana il più melodioso è stato quello della Promozione di coach Picchietti, che andando a sbancare Fabriano nella supersfida tra le due squadre dominanti del campionato, si è installata da sola in testa alla classifica. Ma è tutto il movimento che sta girando al massimo. Il momento giusto per fare il punto della situazione con la Presidentessa Miriam Pecchia, sempre malvolentieri al centro dell’attenzione: “preferisco lavorare dietro le quinte” conferma.

“Però - continua indubbiamente soddisfatta - il lavoro fatto comincia a dare i suoi frutti e lo vediamo quando vediamo i risultati ottenuti nei campionati, tutti i campionati, cui partecipiamo”.

A partire dalle giovanili, la sua principale occupazione e preoccupazione e dove inizia ad elencare la situazione gruppo per gruppo. “Partiamo dal campionato under 13. E’ il primo impatto con l’agonismo vero, dopo il periodo del minibasket e per i nostri ragazzi non è stato facile, all’inizio; ma stiamo vedendo un deciso miglioramento, partita dopo partita. L’under 14 è tuttora imbattuta. E imbattuta è anche l’under 15. L’under 16 è seconda, seppur in coabitazione. Stiamo naturalmente parlando, questo per vale per tutti i gruppi giovanili, della prima fase. Le sfide più dure devono ancora arrivare. Ma è comunque un indice dell’ottimo lavoro svolto dai ragazzi e dallo staff tecnico ed atletico, il Responsabile Andrea Pecchia, coach Riccardo Porcarelli e il preparatore Lorenzo Boccaccini.”

Poi c’è la Promozione, un progetto che finalmente quest’anno è diventato realtà. E che realtà! “La Promozione è stata fortemente volute da me, in collaborazione con alcuni che ora sono membri della squadra. E’ stata messa in piedi questa formazione di ragazzi, che non trovavano spazio in prima squadra ed erano costretti ad andare fuori. Ora giocano per la loro maglia, siamo primi e con tantissimo entusiasmo, e questo va sicuramente a merito di Giancarlo Picchietti, allenatore veterano, che quei ragazzi li ha peraltro …cestisticamente battezzati tutti.”

Dulcis in fundo, gli eccellenti risultati di una prima squadra di coach Sonaglia che non si ferma più. “Anche la prima squadra ora sta andando a pieno regime, una cosa che ovviamente aiuta a “tirare” tutto il movimento. Ora si tratta di tallonare il più possibile Ancona e fare il massimo nello scontro diretto. Poi aspettiamo i playoff. Sicuramente tutti i risultati che abbiamo elencato non dipendono da me, perché le scelte tecniche che sono presupposto e premio di questi risultati non sono certamente del presidente. Dobbiamo ringraziare lo staff tecnico tutto, tanto delle giovanili, quanto della Promozione e della prima squadra. Però mi sento di riservarci un merito, come società, di quelle scelte fatte a suo tempo e che hanno consentito di avere questi risultati. Dietro ad ottimi risultati c’è sempre un’ottima dirigenza a muovere le fila di tutte le attività. Il movimento è molto ampio, le cose da fare e da organizzare sono tantissime e da parte mia cerco sempre di essere presente in ogni situazione e in ogni problematica.”

C’è un segreto, a parte talento e tecnica, dietro questi successi? “Una cosa che reputo molto importante, parlo ora delle due squadre senior, è il clima in spogliatoio che si è creato, il senso del gruppo. Per la Promozione potevamo pensare che non sarebbe stato difficile, con tanti ragazzi cresciuti insieme. Nella prima squadra si è andato rafforzando sempre di più e ho scoperto essere una carta vincente molto importante.”

Un elemento che stupisce e rallegra è il grandissimo seguito che hanno le squadre. “Vero! E’ un orgoglio vedere un palazzetto gremito di gente, anche in occasione delle partite delle giovanili, per non parlare della Promozione, che ha potuto contare fin dalla prima uscita su un Palazzetto strapieno e caldissimo. Ecco, vorrei che lo stesso calore ci fosse anche per le partite della prima squadra. Certo, sicuramente in quel caso scontiamo il fatto di dover giocare fuori. Ma sono ragazzi che se lo meriterebbero il massimo calore dei tifosi, perché danno tutto in campo.”

Il clima è cambiato, intorno alla società. “Io ci sono sempre stata, nella buona e nella cattiva sorte. L’anno scorso venivo fermata a dover rendere conto dei problemi della prima squadra. Ma è la stessa società di quest’anno. Non sempre tutto può filare nel verso giusto, e nessuno è infallibile, ma mi piace esserci sia quando le cose vanno male che quando vanno bene, affrontandole nel miglior modo possibile e lavorando sempre in buona fede, per il bene dei ragazzi e di chi gravita intorno al movimento”.

Si parlava di Palazzetto, si aspetta sempre una nuova struttura? “Ho sempre il desiderio che a breve si ritorni, anche con la prima squadra, a poter giocare a Matelica, e permettere anche al passante curioso di fermarsi e godersi le giocate dei nostri atleti. Ma sono ottimista che non dovremo attendere ancora a lungo.”

Intanto, non resta che ricordare gli appuntamenti del prossimo fine settimana: venerdì al Palazzetto,alle 21.30, la Vigor Halley Promozione ospita Osimo. Sabato, alle 18:15 c’è poi la serie C, sempre in casa, al PalaCarifac di Cerreto d’Esi, contro la Pallacanestro Recanati. E se siete curiosi di sbirciare sul futuro Vigor, potete venire a tifare l’under 13 alla Palestra Mancinelli, domenica mattina alle 11.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-02-2018 alle 19:31 sul giornale del 09 febbraio 2018 - 1060 letture

In questo articolo si parla di sport, matelica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aRvY