Bocciata mozione a sostegno degli impianti di Frontignano, Leonardi: "Sconcertata per quanto accaduto"

Leonardi 12/06/2018 - "Sconcerto per quanto accaduto oggi in Consiglio Regionale" esordisce così la capogruppo regionale di Fratelli d'Italia Elena Leonardi, in un'Aula semivuota per l'assenza di molti consiglieri di maggioranza, e dell'intera Giunta, tranne l'assessore Sciapichetti, è stata bocciata la mozione sulle seggiovie di Frontignano.

Era un atto che ho depositato lo scorso 25 maggio che sosteneva la richiesta fatta dal Comune di Ussita, di poter anticipare, tra i quasi 8 milioni di euro della Ricostruzione, previsti per Ussita, una, a confronto, cifra irrisoria, 200 mila euro, sufficiente per sostenere una veloce riapertura di parte delle seggiovie di Frontignano. La mozione della Leonardi difatti evidenziava come per riaprire al pubblico esercizio gli impianti che vengono utilizzati per l'escursionismo estivo, sarebbero bastati 200 mila euro, così come già anticipato per altre situazioni legate al sisma dalla stessa regione Marche.

Evidentemente forse perchè è un atto proposto dalla sottoscritta, di Fratelli d'Italia, che non si è voluto votare. Stupisce l'atteggiamento e l'intervento dell'UdC, nella persona del consigliere Luca Marconi, che ha osteggiato l'approvazione di questa mozione invitando la maggioranza nel non accoglierla. Neppure la richiesta della sottoscritta di sospendere brevemente la seduta per contattare il Presidente Ceriscioli e l'Assessore Cesetti, impegnati altrove, coi quali c'era stata una promettente interlocuzione, è stata concessa: un comportamento incomprensibile e inaccettabile. Eppure un atto di buon senso avrebbe chiesto il contrario, in un Aula semivuota con un solo assessore presente e molti assenti del Pd, si è bocciato un atto nel quale chiedevo di trovare idonea e celere soluzione al fine dell'anticipazione delle risorse pari ad euro 200.000 per le seggiovie denominate “Lo Schiancio-Le Saliere” e “Pian dell'Arco – Belvedere”.

"Inoltre chiedevo – continua Leonardi – qualora non si fosse trovata una veloce soluzione per quanto richiesto, di verificare l'emissione di una proposta di legge regionale inerente una anticipazione finanziaria per fronteggiare questa situazione, facendo confluire le risorse anticipate della contabilità speciale, già aperta con il recupero delle somme tramite relativo accredito dei fondi statali. Infine ulteriore richiesta era quella di impegnarsi con il Comune di Ussita al fine di trovare una rapida soluzione per il riallineamento delle funi necessario al riavvio degli impianti delle due seggiovie di Frontignano. Una Giunta regionale che trenta minuti prima si loda in Aula per aver mostrato un saldo finanziario positivo di oltre un milione di euro "da re-iscrivere a bilancio", poco dopo afferma che anticipare 200.000 euro per un'area terremotata non è invece possibile."


da Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-06-2018 alle 17:38 sul giornale del 13 giugno 2018 - 514 letture

In questo articolo si parla di politica, alleanza nazionale, frontignano, fratelli d'italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aVxF