La Grande Guerra protagonista a Matelica: sala Boldrini gremita per il convegno

20/11/2018 - Interessante e significativo convegno nella suggestiva cornice del Palazzo Ottoni di Matelica nell’ambito della Mostra Fotografica sulla Grande Guerra realizzata ed organizzata dalla locale Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra, arricchita anche da autentici documenti materiali provenienti dal suo museo cittadino.

La sala Boldrini gremitissima, ha dato testimonianza di come il passato sia ancora vicino all’interesse e alla sensibilità di tanti che hanno voluto conoscere ed approfondire gli aspetti, non solo bellici, ma soprattutto umani del primo grande conflitto mondiale.

Come ha spiegato il presidente dell’ANMIG, Nando Cingolani, lo scopo dell’Associazione è, infatti, portare avanti nel tempo, il significato del nostro passato, perché ogni famiglia è stata direttamente o indirettamente coinvolta in uno dei più cruenti conflitti della storia dell’umanità. Essa ha seguito negli anni un milione di mutilati ed invalidi nei vari aspetti della loro vita (oggi sono rimasti solo quattromila per ovvii motivi anagrafici) e pertanto il ruolo attuale è quello di preservare la memoria ed il ricordo di questi nostri grandi eroi.

Nella sua relazione storica ha ripercorso le tappe fondamentali del conflitto armato, ponendo l’attenzione sulle conseguenze geopolitiche della pace, per noi mutilata, e sul nuovo assetto europeo che si avvierà alla formazione dell’ Europa attuale. Il Maestro Luca Migliorelli, ha presentato un’interessante relazione sull’importanza della musica e delle canzoni patriottiche, come unici palliativi alle atroci sofferenze dei soldati in marcia o languenti nelle fredde trincee o dentro quei convogli ferroviari diretti ai luoghi dei combattimenti. La musica come espressione di dolore o come incitamento a sopravvivere, lottare e…andare avanti!

Un impegno significativo è stato quello degli alunni della scuola Media E. Mattei di Matelica e del Consiglio Comunale dei Ragazzi, hanno letto autentiche lettere dal fronte e riflessioni profonde scritte da loro stessi, motivati dalla voglia di immedesimarsi in quei tanti giovani, che , poco più grandi di loro, hanno patito indescrivibili sofferenze, fisiche e psicologiche, per donare, anche al presente che loro vivono i valori della fratellanza e della pace.

La prof.ssa Lina Menichelli, ha coordinato e guidato i lavori dei ragazzi, nel suo intervento, ha spiegato il valore della memoria, come consapevolezza che il passato ha costruito il nostro presente, di esso ha posto le fondamenta nel valore della libertà, ed è per essa che si è combattuto, sofferto pene indescrivibili, anche nei lunghi momenti di tregua. Ecco che la storia si è fatta tragedia umana, fra vincitori e vinti nessuna differenza, unica a trionfare è stata l’atrocità della morte. Toccante la sua lettura di una poesia del poeta camerte Ugo Betti, soldato volontario, spinto da ideali interventistici, si è ritrovato, in trincea, ad esprimere la voce supplicante della paura.

Il Dirigente Scolastico Andrea Boldrini ha sottolineato l’importanza educativa della scuola nell’aprirsi al territorio in cui opera, collaborando attivamente con le sue istituzioni, la sinergia fra il Consiglio Comunale dei Ragazzi e l’ANMIG, ha fatto sì che si potesse realizzare una serie di lavori impegnativi e ricerche che vanno oltre la conoscenza storica, si trasformano in educative esperienze di vera cittadinanza attiva; ringraziando quindi, il suo Presidente Nando Cingolani, per la grande opportunità di crescita che, da tempo, offre alla scuola media. Il convegno storico ha contestualizzato la ricca mostra fotografica che ha avuto un successo incredibile, visto il numero dei visitatori, apprezzata soprattutto perché la storia si è raccontata attraverso immagini e con la voce forte dell’empatia.

Firmato:
Fiorenzo Santini







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-11-2018 alle 15:26 sul giornale del 21 novembre 2018 - 2489 letture

In questo articolo si parla di cultura, matelica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a1Ap





logoEV