Protocollo Consiglio Regionale - Università: sottoscritto per l'educazione alla cittadinanza globale

Protocollo Consiglio Regionale - Università: sottoscritto per l'educazione alla cittadinanza globale 04/02/2019 - Un sistema regionale chiamato a supportare l’educazione alla cittadinanza globale, partendo dai contenuti dell’Agenda Onu 2030. Poggia su queste basi il protocollo d’intesa tra Consiglio regionale, Università, Cvm (Comunità Volontari per il Mondo), Rete di Scuole Marchigiane e Università per la Pace, presentato ufficialmente e sottoscritto nel corso di un incontro a Palazzo delle Marche.

“Si tratta di un importante segnale – ha sottolineato il Presidente del Consiglio, Antonio Mastrovincenzo – rivolto soprattutto ai giovani. Parte da una regione che vuole essere in netta controtendenza rispetto ad un modello socioculturale che oggi ci si vorrebbe imporre. Queste tematiche spero possano essere quanto prima ricomprese in una iniziativa legislativa specifica, confermando le Marche come comunità coesa, aperta, solidale ed inclusiva.”

Lavoro di rete, importanza dell’istruzione ai diversi livelli e dell’informazione, centralità della “narrazione” accurata di quanto sta accadendo, continuità e costanza nell’affrontare i problemi, formazione dei docenti, revisione dei libri di testo, buone pratiche da mettere in campo, elementi prioritari nei diversi interventi.

Ad illustrare le finalità dell’accordo i Rettori Sauro Longhi (Politecnica) e Claudio Pettinari (Unicam); il Prorettore Claudio Ortenzi (Unimc) e la coordinatrice del Cirta (Centro interdipartimentale per la ricerca transculturale) Rossella Persi (Uniurb); il Presidente del Cvm, Paolo Padovani, quello dell’Università per la Pace, Mario Busti e la dirigente scolastica Andreina Mircoli per la Rete di Scuole Marchigiane (con capofila l’Istituto comprensivo di Petritoli).

L’obiettivo dichiarato del protocollo è quello di porre in essere iniziative qualificanti, volte a favorire la crescita socioculturale del territorio regionale per uno sviluppo inclusivo e sostenibile.

Alle università marchigiane il compito di promuovere ricerche ed interventi di sperimentazione sul versante dei saperi e di approfondire le conoscenze teoriche e metodologiche relative alla progettazione didattica e curricolare.

Per tutti gli altri, relativamente agli specifici ambiti d’intervento, la promozione delle proposte per la costruzione di nuovi percorsi inclusivi, valorizzando esperienze e competenze. A sostegno del progetto un Comitato di coordinamento con funzioni di raccordo, armonizzazione e valutazione delle iniziative e di monitoraggio in relazione all’attuazione efficace dell’intesa. Tra gli appuntamenti già annoverati nel protocollo, il seminario dedicato all’educazione interculturale sulla revisione dei saperi, che si tiene annualmente a Senigallia.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-02-2019 alle 15:24 sul giornale del 05 febbraio 2019 - 358 letture

In questo articolo si parla di attualità, marche, Assemblea legislativa delle Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a3Xa