Terremoto, Brignone (Possibile): "Ricostruzione vergogna, inchiesta Anac non sorprende"

Beatrice Brignone 04/02/2019 - “Nessuno merita quello che stanno vivendo da due anni e mezzo le popolazioni colpite da sisma. Tra incapacità, malaffare e irregolarità migliaia di persone vivono ancora in alloggi di fortuna, senza risposte né prospettive di futuro. È una vergogna”. Lo dichiara la segretaria di Possibile, Beatrice Brignone.

“Dopo i ritardi nell’emergenza, la costruzione mai avviata, le SAE già marcite - aggiunge Brignone - le indagini dell'Anac non stupiscono e non fanno che aumentare il senso di rabbia e desolazione tra queste popolazioni letteralmente abbandonare a se stesse. Il sisma 2016 è una vergogna di cui non si vede la fine. Tutta la nostra vicinanza alle tante persone che, anche oggi, invece di avere risposte hanno ricevuto l’ennesima conferma della cattiva gestione che governa questi territori”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-02-2019 alle 15:08 sul giornale del 05 febbraio 2019 - 335 letture

In questo articolo si parla di politica, beatrice brignone

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a3W1