Nuova camera di crescita per l'Agroservice di San Severino

25/03/2019 - “Le aziende che non smettono mai di innovare e ricercare sono un virtuoso esempio per tutta la nostra comunità che tanto ha bisogno di simili realtà”.

Con queste parole il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, ha ringraziato la Agroservice, azienda settempedana con sede a Rocchetta che da anni svolge attività di ricerca, sperimentazione, moltiplicazione di sementi per l'agricoltura, in particolare cereali a paglia, oleaginose, leguminose. L’impresa, tra le più importanti in Italia in questo settore, nei giorni scorsi ha promosso un importante momento di incontro, una Giornata dell’Innovazione, in collaborazione con il Consorzio Convase, nel corso del quale è emerso chiaramente come il futuro dell’agricoltura italiana debba poter contare sull’innovazione e avere come imprescindibile punto di partenza il seme certificato.

A illustrare i risultati ottenuti, e le possibilità che può offrire la ricerca in agricoltura, sono stati Laura Gazza, ricercatrice del Crea, Antonio Blanco, professore di Scienze Biotecnologiche dell’Università degli Studi di Bari, Antonio Prodi, ricercatore dell’Università degli Studi di Bologna, e Lorenzo Rocchetti, ricercatore dell’Università di Ancona. L’iniziativa si è conclusa con una visita al sito di Rocchetta e con l’inaugurazione di un nuovo impianto, una nuova camera di crescita, che permetterà di ridurre i tempi di ottenimento del seme. L’impianto è stato realizzato anche grazie al contributo del Comitato Sisma Centro Italia. Nell’ambito della stessa Giornata dell’Innovazione si è poi tenuta anche la tavola rotonda dal titolo: “6 parole per il futuro dell’agricoltura italiana”, a cui hanno preso parte alcuni dei principali attori della filiera agroalimentare italiana. Claudio Campagna, rappresentate di Convase, il Consorzio per la valorizzazione delle sementi, ha sottolineato in questo contesto il ruolo fondamentale svolto dal settore sementiero per assicurare un’agricoltura tracciata e di qualità.

“Il seme certificato è la condizione obbligata a garanzia della completa tracciabilità delle produzioni – ha dichiarato Campagna. Le aziende sementiere lavorano da sempre per consentire agli agricoltori di ottenere produzioni che rispondano alle richieste del mercato e dei consumatori. Per vedere riconosciuti i nostri sforzi è necessario il sostegno della filiera e per questo motivo Convase dialoga attivamente con le realtà del comparto”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-03-2019 alle 17:25 sul giornale del 26 marzo 2019 - 544 letture

In questo articolo si parla di attualità, san severino marche, Comune di San Severino Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a5JU





logoEV