Sisma, il punto della situazione a Castelraimondo: "Siamo partiti, ma bisogna accelerare"

1' di lettura 01/04/2019 - Situazione post-sisma a Castelraimondo: punto della situazione a marzo del 2019.

Proseguono le attività di ricostruzione e assegnazione degli alloggi per le famiglie che hanno perso la propria abitazione con le scosse del 2016. Ad oggi, Castelraimondo ha 600 cittadini in autonoma sistemazione, per un importo (quella relativa a febbraio 2019) di194.407,13 euro. Sono 100 in meno rispetto a gennaio 2019, quando i beneficiari erano 700. Ci sono ancora 13 persone che hanno scelto la sistemazione alberghiera nelle strutture locali convenzionate, 204 i cittadini che hanno lasciato il territorio comunale a causa del sisma e 400 quelli che si sono trasferiti a Castelraimondo da altri Comuni per le stesse ragioni.

Sono stati acquistati 14 appartamenti del cosiddetto “invenduto” da parte dell’Erap, di cui 13 consegnati alle famiglie assegnatarie. Dal 1 gennaio 2018 ad oggi, inoltre, sono 19 gli appartamenti tornati agibili a seguito dei lavori di ricostruzione, che hanno permesso il rientro a casa di altrettanti nuclei famigliari, e al momento sono di imminente ultimazione dei lavori 26 appartamenti, quelli relativi al palazzo in via Piancatelli.

“Anche se lentamente, si sta cominciando a ritornare pian piano alla normalità – ha affermato il sindaco di Castelraimondo, Renzo Marinelli – la speranza è che si possano accelerare le procedure, per consentire in generale l’avvio degli interventi, sia pubblici che privati, al fine di poter far rientrare le persone nel più breve tempo possibile. Siamo partiti ma ora c’è bisogno di accelerare”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-04-2019 alle 15:20 sul giornale del 02 aprile 2019 - 850 letture

In questo articolo si parla di attualità, castelraimondo, comune di castelraimondo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a5Z1





Array ( [0] => 00000 [1] => [2] => )