Giacomo Venezian protagonista alla scuola media di Matelica

5' di lettura 07/06/2019 - Giovedì 6 giugno alle ore 11 nell’aula magna presso l’istituto Comprensivo “E.Mattei” scuola secondaria primo grado di Matelica si è svolto un convegno per la presentazione di una pubblicazione su Giacomo Venezian redatto in collaborazione con il Consiglio Comunale dei ragazzi del comune di Matelica e la sez. locale di Matelica dei Mutilati ed Invalidi di Guerra a conclusione del lavoro svolto nel progetto “esploratori della memoria” promosso dall’associazione Naz.le Mutilati ed Invalidi di Guerra, che ha come obbiettivo quello di permettere di conoscere meglio l’eroe di guerra Venezian il quale si è distinto con le sue azioni a favore della patria durante la prima guerra mondiale, partendo volontario per il fronte del Carso in cui guidò e fu ufficiale del 121° reggimento di fanteria (brg. Macerata).

A questo convegno sono intervenuti oltre alla sezione locale Mutilati ed Invalidi di Guerra rappresentata da Cingolani anche la direttrice regionale dell’associazione la prof.ssa Giaccaglia, il preside dell’istituto dott. Andrea Boldrini e la coordinatrice del Consiglio Comunale dei ragazzi la prof.ssa Lina Menichelli, oltre all’avv. Francesco Turchi e la prof.ssa Emanuela Biocco in rappresentanza della nuova amministrazione comunale appena eletta nella tornata elettorale dello scorso 26 maggio.

I lavori sono iniziati con un introduzione della prof.ssa Menichelli, che ha evidenziato come questa pubblicazione sia la prima nel panorama storiografico su Giacomo Venezian e sia stata il frutto del lavoro, in collaborazione con l’Anmig, di un anno di incontri e visite sui luoghi della vita di questo illustre personaggio e di come questi progetti possano aiutare la didattica e l’apprendimento dei ragazzi secondo il vecchio motto” l’unione fa la forza” poiché si fanno a stretto contatto con le varie associazioni deputate a conservare la memoria storica dei nostri territori, così facendo la scuola aiuta maggiormente i ragazzi a fare propri concetti come passione civile e spirito di servizio che hanno animato eroi come Giacomo Venezian, decorato con la medaglia d’oro e di bronzo al valore militare.

Poi si è proseguito con una presentazione del personaggio da parte degli studenti attraverso le relazioni e le impressioni dei rappresentati del Consiglio Comunale dei Ragazzi la vice-sindaco Benedetta Fiorini ed il consigliere Lorenzo Galluzzi. A seguito i ragazzi della 3B hanno messo in scena una drammatizzazione che rappresentava il momento cruciale della scelta di andare al fronte di guerra e di lasciare la propria famiglia e della stessa vita vissuta dal Venezian nel fronte fino alla sua dipartita a seguito di una febbre scaturita da una ferita di guerra.

Al termine della drammatizzazione sono intervenuti il rappresentante locale e la direttrice regionale dell’Anmig: il rappresentante locale Nando Cingolani ha fatto presente l’importanza di vivere la storia direttamente sui luoghi in cui essa si è svolta e di come questo possa indirizzare i ragazzi a poter far propri gli esempi dei grandi eroi della patria e vivere la vita scolastica con maggiore partecipazione civile, mentre la prof.ssa Giaccaglia, direttrice regionale dell’Anmig, ha fatto una lode a tutte le scuole marchigiane per la forte presenza in questi progetti della memoria ed in particolare a Matelica per il suo meritorio attivismo.

A corredo del convegno ci sono stati anche gli interventi dei rappresentanti comunali effettuati dall’avv. Francesco Turchi e dalla prof Emanuela Biocco, il primo ha portato il saluto del Sindaco Massimo Baldini e dell’amministrazione tutta, facendo i complimenti alla prof.ssa Menichelli ed a Cingolani ed i ragazzi del Consiglio Comunale per il valore della pubblicazione e del suo scopo di consentire una migliore conoscenza alla cittadinanza ed agli studenti della figura storica di Giacomo Venezian con l’augurio che il suo eroismo possa tradursi anche nei gesti quotidiani vissuti tutti i giorni aiutando a creare un forte senso di comunità e di solidarietà in maniera tale da vivere appieno la sua memoria e magari un domani poter indirizzare le strutture amministrative di riempendole con la presenza di quelli che oggi sono giovani studenti e che un domani saranno il futuro.

Mentre la prof.ssa Biocco dopo essersi complimentata con l’istituto “E.Mattei” per aver portato avanti questi progetti che permettono ai ragazzi “il calpestio della storia” cioè l’immersione nei luoghi vissuti direttamente dai protagonisti della storia stessa, ha posto poi l’accento sull’importanza della storia intesa come fondamento per divenire buoni cittadini seguendo gli esempi di personaggi di grande valore come Giacomo Venezian, facendo sì che in questa maniera, come già gli storici dell’antica Roma quale Svetonio attraverso i suoi “exempla” avevano fatto, la storia divenga una maestra di vita e non si limiti ad un semplice esercizio di cronaca dei fatti ma lasci un patrimonio valoriale ai futuri cittadini.

A conclusione dei lavori è intervenuto il preside Andrea Boldrini, ringraziando le autorità cittadine presenti e la direttrice regionale dell’Anmig per la nostra regione, facendo una menzione di merito per il lavoro profuso in questo progetto dalla prof.ssa Menichelli e da Cingolani che attraverso il loro lavoro di ricerca storica hanno svincolato lo studio della storia da un mero nozionismo ma lo hanno allargato al di fuori dei confini degli edifici scolastici con l’esplorazione diretta del territorio della città”.


da Francesco Turchi
Presidente del Consiglio Comunale di Matelica







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-06-2019 alle 19:20 sul giornale del 08 giugno 2019 - 887 letture

In questo articolo si parla di cultura, matelica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a8nO