Per Matelica dopo il primo consiglio comunale: "Troppe deleghe all'assessore Procaccini"

3' di lettura 08/06/2019 - Dopo una prima dimostrazione di disponibilità sui social network, da parte di alcuni rappresentanti della neo eletta amministrazione, siamo giunti al primo “banco di prova” delle reali capacità di gestione della macchina amministrativa, da affrontare in quello che è il luogo preposto al confronto ed alle decisioni: il consiglio comunale.

Il primo di questa consiliatura, guidata dal Sindaco Massimo Baldini, si apre positivamente nel segno della condivisione, ma conclude con una netta chiusura da parte della maggioranza verso tutte le proposte del Gruppo Consiliare “Per Matelica”.

Nel primo intervento di Delpriori, neo-eletto capogruppo, sono state evidenziate delle criticità nell’assegnazione delle deleghe in special modo nelle numerose ed impegnative assegnate all’assessore Procaccini. Lavori pubblici, Infanzia ed Istruzione, sanità, Servizi Sociali, Ricostruzione. La nostra preoccupazione è che, non mettendo assolutamente in dubbio le competenze del nuovo assessore, il carico di lavoro sia decisamente impegnativo da essere gestito da una sola persona. Per questo è stato proposto di istituire una commissione specifica per la ricostruzione, un tema complicato su cui Delpriori con la precedente amministrazione ed i tecnici comunali, ha lavorato assiduamente affrontando tutte le problematiche connesse e trovando le soluzioni più appropriate. Secco ed inaspettato No della Procaccini, a negazione delle premesse del Sindaco e del Vicesindaco, con la “promessa” che il gruppo Per Matelica sarà chiamato solo nel caso ci sia bisogno.

Un comportamento a nostro avviso divisivo e preoccupante, a cui si aggiunge il particolare fastidio con cui l’Assessore Procaccini ha risposto a questa proposta. A conclusione dell’intervento l’assessore ha dichiarato che il finanziamento già stanziato di 230mila Euro (in realtà 216.500) per il Museo Archeologico di Palazzo Finaguerra, non è sufficiente per renderlo agibile, ma sono necessari 1 milione e 400mila euro. Una cifra esorbitante, su cui non mancherà la nostra verifica della documentazione che avvalora questa dichiarazione, nell’interesse di tutta la cittadinanza.

Più orientato verso la condivisione si è mostrato Giovanni Ciccardini il quale, dopo avere illustrato l’attuale situazione del bilancio, evidenziando gli aumenti di spesa pubblica specialmente su servizi orientati al sociale come il servizio mensa delle scuole, ha esposto la sua personale idea di “Cultura”, basata sulla definizione data dall’enciclopedia Treccani proponendo un non ben identificato comitato composto da svariate figure invitando anche la minoranza alla partecipazione. Non avendo dettagli specifici e pur con qualche dubbio da chiarire, abbiamo positivamente accolto questa proposta confermando con l’intervento della consigliera Cinzia Pennesi, la nostra apertura alla condivisione di tematiche così importanti per Matelica che devono essere gestite con la dovuta esperienza.

Nella discussione dell’ultimo punto all’ordine del giorno relativo alla nomina del nuovo Presidente del Consiglio Comunale, figura da noi istituita nella precedente consiliatura con non poche critiche ed affermazioni di inutilità da parte dell’allora minoranza rappresentata dal capogruppo Massimo Baldini, abbiamo positivamente accolto questo cambio di rotta e proposto in maniera costruttiva che la figura del Vice Presidente sarebbe potuta essere rappresentata da un membro della minoranza, come accade in moltissimi comuni. La giusta occasione per confermare che cariche “super partes” quali quelle del Presidente del Consiglio e del Vice sono immagine di tutela e rappresentanza per tutti i cittadini di Matelica. Già alla proposta sono arrivati i primi secchi “NO” dai banchi della maggioranza e dopo che il sindaco ha voluto sospendere i lavori della seduta per prendere la decisione, la negazione è stata resa ufficiale.

Ci sembra piuttosto chiaro che la promessa di un ruolo per qualche membro del gruppo di Matelica Futura rimasto senza deleghe e senza poltrone, sia stato il metro di giudizio che ha suggerito tale posizione.


da Per Matelica
Gruppo consiliare di minoranza





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-06-2019 alle 11:54 sul giornale del 10 giugno 2019 - 4530 letture

In questo articolo si parla di politica, matelica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a8oo