Autostrade, confermato lo sciopero del 25 e 26 agosto

2' di lettura 22/08/2019 - Nel weekend critico per l’esodo di rientro dalle ferie estive, i sindacati confermano lo sciopero

I sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl Viabilità e Logistica, in una nota congiunta, ricordano lo sciopero di 4 ore per domenica 25 e lunedì 26 agosto, da parte del personale delle autostrade.

“A seguito della rottura della trattativa per il rinnovo del contratto nazionale di settore, in continuità con il primo sciopero effettuato gli scorsi 4 e 5 agosto e nel rispetto della legge che regolamenta il diritto di sciopero”, i sindacati confermano lo stop, proprio nelle giornate che interesseranno il controesodo d’agosto. Nello specifico:

"Per lo sciopero dalle 10 alle 14, dalle 18 alle 22 di domenica 25 agosto e dalle 22 di domenica 25 alle 2 di lunedì 26 si fermeranno gli addetti all'esazione ai caselli e il personale turnista non sottoposto alla regolamentazione dello sciopero. Stop al personale impiegato con turni sfalsati e spezzati nelle ultime 4 ore della prestazione mentre il personale tecnico e amministrativo si fermerà le prime 4 ore del proprio turno di lunedì 26 agosto. Dallo sciopero resta escluso tutto il personale previsto dalla legge sull'esercizio del diritto di sciopero ed alla regolamentazione provvisoria del settore”.

A tal proposito – proseguono i sindacati – “assumono un'importanza strategica, a fronte delle molte concessioni già scadute o di prossima scadenza ed in coerenza con la vertenza generale dei trasporti 'Rimettiamo in movimento il Paese', la definizione delle cosiddette clausole di salvaguardia sociale ed una congrua risposta economica, in linea con l'elevata redditività degli azionisti del settore e con i livelli di produttività raggiunti dagli addetti, il cui numero si è pressoché dimezzato. Nonostante questo non è mai venuto meno l'impegno a garantire sicurezza e servizi agli utenti, anche a rischio della propria vita, come drammaticamente dimostrano gli incidenti sul lavoro che hanno coinvolto, in questo mese di esodo estivo, più di un lavoratore".

Ma il presidente dell’Unione nazionale consumatori, Massimiliano Dona, non ci sta e chiede l’intervento del ministro dei Trasporti Toninelli, definendo inaccettabile uno sciopero del personale proprio durante il rientro dalle ferie estive. Dona sottolinea come non ci sarebbe “nessun danno economico per le società concessionarie, che dovrebbero essere, invece, il vero obiettivo dello sciopero”, ma si verificherebbero solo “disagi immani per gli automobilisti, vittime innocenti dei mancati rinnovi contrattuali”.






Questo è un articolo pubblicato il 22-08-2019 alle 17:36 sul giornale del 23 agosto 2019 - 939 letture

In questo articolo si parla di Maria Luigia Lapenna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a0Ve





logoEV