Se ne va a 105 anni l'icona di Pievebovigliana

2' di lettura 04/09/2019 - Raul Lucarini ci ha lasciato alla bella età di 105 anni e con lui è scomparsa una delle ultime figure rappresentative della Pievebovigliana che fu.

Raul Lucarini, componente di una famiglia artigiana del 1900, ha sempre operato nella sua attività di calzolaio dapprima come insostituibile confezionatore di calzature ordinarie ed eleganti per trasformarsi poi in egregio riparatore di calzature industriali. Tutti rammentano Raul nella sua bottega dietro al banchetto pieno di semenze, stringhe e pellami o impegnato alla lucidatura finale di scarpe e stivali dopo le sapienti risolature, ma sempre in compagnia della gabbia dei canarini o dei cardellini, una sua passione profonda.

Un tempo, appena terminato il periodo bellico, Raul, munito di regolare permesso, arrotondava i suoi non sempre lauti guadagni esercitando il servizio di auto pubblica integrando il servizio ancora scarso delle autolinee locali. Lo ricordiamo al volante della sua mitica Fiat 1100 grigio polvere.

Però ricordando Raul non possiamo non ricordare la sua devota compagna di una vita, Silvana e con lei il papà Lucio, sempre disponibile e grande lavoratore agricolo. Andando indietro nei ricordi ricordiamo anche suo padre Ottavio, ciabattino anch’egli e molto efficiente custode dei vari strumenti della banda musicale, una vera gloria di Pievebovigliana. Qualcuno ancora rammenta la famosa risposta che Ottavio diede ad un appassionato che gli chiedeva quale strumento suonasse, prontamente rispose “io sono il bidello”, confondendo nella domanda la parola suono con sono… storie d’altri tempi!

E come non ricordare anche il fratello Mario, provetto acconciatore di molte teste dei tanti abitanti della Pieve di allora e che noi da ragazzi facevamo arrabbiare per allegri dispetti e caos nella barbieria di via Roma. Ora il triste commiato con un caro abbraccio alla diletta figlia Luciana che insieme al compagno della vita Peppe Medei lo ha sempre amorevolmente accudito, ai nipoti Rosalba e Francesco che con i neo arrivati Giovanni e Maria Sole speriamo onorino la memoria di questo longevo nonno.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-09-2019 alle 09:59 sul giornale del 05 settembre 2019 - 1823 letture

In questo articolo si parla di cronaca

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bagg





logoEV