Sisma, Anci in audizione alla Camera. Mangialardi: “Ultima occasione per la ricostruzione. Parlamento osi insieme ai sindaci”

2' di lettura 05/11/2019 - “Apprezziamo un decreto in cui, finalmente, si parla solamente del sisma del Centro Italia. Ma vogliamo essere chiari: questa è l’ultima occasione per fare in modo che parta davvero la ricostruzione, che altrimenti rimarrà solo elemento di polemica tra le forze politiche. Qui ci sono i sindaci che vogliono osare, il Parlamento osi insieme a loro”.

Così Maurizio Mangialardi, Presidente di Anci Marche e Coordinatore nazionale dei presidenti delle Anci regionali, nel corso dell’audizione di Anci presso la commissione Ambiente della Camera, che ha ascoltato una delegazione di sindaci del cratere - tra cui i primi cittadini di Amatrice (Fontanella), Arquata del Tronto (Petrucci), Norcia (Alemanno) e Teramo (D’Alberto) - in merito al decreto Sisma.

“Poniamo alcuni temi principali nel documento che consegniamo, che è il risultato e la cifra del ritardo di un percorso che va avanti da ormai tre anni. Per prima cosa – ha detto Mangialardi - occorre intervenire sul personale, prorogando oltre i 36 mesi i contratti in essere. Altra proroga serve alla fase emergenziale che chiediamo sia estesa fino al 2024”. In questo ambito il Coordinamento guidato da Maurizio Mangialardi sta svolgendo un ruolo fondamentale anche perché si avvale di un gruppo tecnico composto dal responsabile del dipartimento territorio e Protezione Civile dott.Antonio Ragonesi ed in particolare dalla Dott.ssa Laura Albani che ha curato la predisposizione del dossier lascito alla Commissione Parlamentare.

Mentre un elogio speciale va al Dott. Marcello Bedeschi che nello ambito del suo compito di coordinatore nazionale dei direttori e segretari delle Anci Regionali, dedica una costante attenzione a tutte le amministrazioni delle zone terremotate.

Mangialardi ha poi chiesto “che vengano assegnati i segretari comunali anche ai piccoli Comuni del cratere” insieme a “norme più semplici su ricostruzione pubblica e privata, magari ripetendo lo schema efficace seguito col Ponte Morandi di Genova”. E poi la ripresa socio - economica dei territori che secondo il sindaco di Senigallia deve passare “da zone franche e zone economiche speciali, altrimenti ricostruiremo solo bei presepi senza vita”.

Aleandro Petrucci, primo cittadino di Arquata del Tronto: “Ci siamo riuniti come sindaci varie volte coordinati all’interno dell’Anci – ha ricordato – e questo che presentiamo è un documento limitato alle richieste indispensabili. Non ci interessano i colori politici – ha rimarcato Petrucci – ma solo vedere accettate le nostre istanze. Nel mio Comune abbiamo tolto 280mila tonnellate di macerie e altre 100 ne restano. Il paese è tutto crollato. Senza una mano e senza questi emendamenti non ce la potremo fare”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-11-2019 alle 17:44 sul giornale del 06 novembre 2019 - 336 letture

In questo articolo si parla di attualità, camerino, marche, ascoli, Anci Marche, sisma

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcr9





logoEV