Commercio camerte in lutto: addio allo storico proprietario del Bar Diana

2' di lettura 06/11/2019 - Si è spento all’età di 80 anni Enrico Marsili, uno dei capostipiti dei baristi camerti e proprietario dello storico Bar Diana di corso V. Emanuele, gestito tutt’ora dai suoi figli anche dopo il trasferimento dal centro in periferia a causa del sisma.

La notizia della sua scomparsa, diffusasi in mattinata, ha lasciato l’intera popolazione profondamente segnata, in quanto Enrico era conosciuto e ben voluto da tutti. A farsi apprezzare dall’intera città non sono stati solo i suoi ottimi caffè, ma l’intera gestione del suo locale, caratterizzatasi per la gentilezza, l’eleganza (un look sempre impeccabile) ed uno stile inconfondibile, così come quello della sua signora Valentina che lo ha accompagnato per molti anni con immancabile presenza, sia nel lavoro che nella vita.

Oltre alla serietà e alla professionalità, trasmessa per intero ai suoi figli Orlando e Francesco (quest’ultimo specializzatosi nell’arte pasticcera e nell’apprezzatissima gelateria) era proprio la sua figura, i suoi modi garbati e gentili nel saper accogliere e soddisfare i clienti a renderlo particolare. Personaggio caratteristico anche per i suoi inconfondibili baffi ed occhiali, Enrico Marsili è stato fra i più apprezzati commercianti di Camerino e del centro storico, dove ha trascorso oltre 60 anni dietro al bancone del proprio bar. Una figura di barista, quella di Enrico, che difficilmente sarà dimenticata, in quanto sono state diverse le generazioni che lo hanno conosciuto e lo hanno potuto apprezzare.

Segnato come tutti dal sisma, che lo ha costretto a delocalizzare dall’inizio del 2017 il proprio esercizio in via Madonna delle Carceri 14, ha continuato a stare vicino all’attività dei suoi ragazzi finché le forze lo hanno sostenuto. Lascia la moglie Valentina e i figli Orlando e Francesco, ma il suo ricordo e la tradizione del Bar Diana continuano, nella speranza di riabbracciare un giorno la propria e originaria location di Corso V. Emanuele, che è stata per tanti un punto d’incontro e di riferimento.


di Angelo Ubaldi
redazione@viverecamerino.it





Questo è un articolo pubblicato il 06-11-2019 alle 15:58 sul giornale del 07 novembre 2019 - 3869 letture

In questo articolo si parla di cronaca, camerino, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bct6