Per Matelica risponde a Ciccardini: "Offeso il fratello dell'ex sindaco senza motivo"

delpriori 3' di lettura 01/12/2019 - Egregio Assessore Ciccardini, “Per Matelica”, è un gruppo, non una persona sola.

Un gruppo di persone che non hanno bisogno di giustificare le proprie dichiarazioni o le proprie scelte. Un gruppo di persone che hanno il coraggio di assumersi le responsabilità e non ha bisogno di addossarle agli altri. Un gruppo che difende anche i propri componenti, quando vengono meschinamente offesi a mezzo stampa.

Offendere gratuitamente il fratello dell’ex sindaco senza nessun motivo non è un fatto politico, ma semplicemente malignità, meschinità e soprattutto immaturità, di cui si dovrebbe scusarsi pubblicamente. In altri contesti, sicuramente più seri della sua maggioranza, sarebbe stato già espulso. Ci chiediamo: è questo l’esempio che vuole dare della Sua “politica”? Oppure un ulteriore modalità dell’incapacità di sostenere un confronto nelle sedi opportune per sollevarsi da responsabilità addossando le colpe agli altri ?

Per quanto riguarda la vostra, o Sua a questo punto, tanto declamata mozione, le ricordiamo che è stato necessario emendarla in quanto elementare, passiva e debole verso un pericolo per il nostro territorio. Le ricordiamo inoltre che gli emendamenti erano stati approvati dal Sindaco Baldini, dal Suo Capogruppo Falzetti, in presenza del Presidente del consiglio comunale, Turchi. Le ricordiamo anche che alla votazione la Sua maggioranza è andata sotto ai voti sugli emendamenti, dividendovi per l’ennesima volta, dimostrando la vostra massima incoerenza e nervosismo.

Non limitare l’iniziativa privata per ciò che concerne la difesa del territorio matelicese, a nostro avviso, è il vostro più grande errore, ma da quanto scrive e da quanto avete dichiarato in consiglio comunale, è la vostra volontà.

Un precedente gravissimo su quello che era, ed è ancora, il più importante degli emendamenti, e sul quale nell’aula consiliare avete mostrato le vostre incertezze e paure con domande inutili o timorose. La nostra volontà con la nostra interpellanza era ed è di difendere la salute ed il territorio di Matelica, ma lei ha difeso l’interesse privato insieme alla sua maggioranza.

Ancora più meschino inoltre addossare la colpa al precedente Sindaco, per non aver comunicato ai cittadini del piano dei rifiuti quando, seguendo un lineare e corretto iter procedurale, la Provincia ha redatto la Macro Zonazione. Quale bisogno c’era di prendere posizione quando non era il momento di discutere il dettaglio, come scritto nella deliberazione della stessa Provincia n. 8 del 3 Agosto 2017 ?

Ora che invece è giunto il momento di prendere posizione, lei ed i suoi colleghi allarmate i cittadini di Matelica e dopo aver lanciato il sasso nascondete la mano stigmatizzando argomenti importantissimi come non inerenti. Egregio Ciccardini tenga bene a mente questo fatto compiuto: quando è stato il momento di difendere la salute ed il territorio, l’amministrazione “Per Matelica” ha fatto il suo compito, bloccando con azioni importanti interessi privati contrari a principi della Città di Matelica senza scuse e senza rimandare e ci siamo riusciti. Se vuole far finta di non ricordare, lo chieda al suo Sindaco Baldini cosa accadde in quei momenti.


da Per Matelica
Gruppo consiliare di minoranza





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2019 alle 13:53 sul giornale del 02 dicembre 2019 - 4553 letture

In questo articolo si parla di politica, matelica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bdvu





logoEV