La Pasquella a San Severino

1' di lettura 07/01/2020 - Tradizionale canto della Pasquella, ma in versione “solidale”, per I Cantastorie di Passo di Treia che alla vigilia dell’Epifania hanno animato vie e piazze del centro fino ad arrivare alla Casa di riposo “Lazzarelli” dove hanno allietato gli ospiti con alcuni brani suonati e cantati prima di consegnare quanto raccolto nel canto della questua che da sempre accompagna la cultura popolare marchigiana.

Nella notte della Befana, tra il 5 e il 6 gennaio, infatti, in molti paesi dell’Appennino centrale gruppi di cantori, i pasquellanti, giravano un tempo di casa in casa intonando un rituale canto di augurio e prosperità per il futuro raccolto. L’Epifania, infatti, è da sempre considerata la prima “Pasqua” dell’anno solare, un momento importante di passaggio tra il vecchio e il nuovo anno che, nelle nostre campagne, coincideva con il prospero periodo della macellazione del maiale. Come un tempo I Cantastorie di Passo di Treia, accompagnati da strumenti musicali tradizionali come l’organetto, hanno cantato della nascita di Gesù e augurato buon anno. Molti gli applausi ricevuti, in particolare durante il passaggio tra le bancarelle del mercato settimanale del sabato.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-01-2020 alle 12:17 sul giornale del 08 gennaio 2020 - 353 letture

In questo articolo si parla di attualità, san severino marche, Comune di San Severino Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/beKJ





logoEV