Coronavirus: primi tamponi alla casa di riposo di San Severino. Il sindaco finanzia una sanificazione degli spazi

1' di lettura 24/03/2020 - Dopo la richiesta del sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, indirizzata alla direzione sanitaria dell’Asur Marche, alla direzione generale dell’Area Vasta 3 e alla direzione del Dipartimento prevenzione della stessa Area Vasta, primi tamponi per i pazienti ospiti della casa di riposo “Lazzarelli”.

Il personale sanitario ha effettuato direttamente in struttura i prelievi che saranno ora analizzati. La richiesta del primo cittadino settempedano era stata avanzata al fine di scongiurare episodi di contagio da Covid-19, purtroppo già registrati in altre strutture della nostra regione e causa di gravi focolai. Il primo cittadino settempedano torna a lanciare un accorato appello per la casa di riposo: “Mancano mascherine, camici, tute, guanti, occhiali, visiere, maschere facciali filtranti e scarpe per il personale e servono altri interventi straordinari di sanificazione di stanze ed aree comuni”.

Il sindaco Piermattei ha voluto personalmente finanziare una nuova sanitizzazione virucida di tutta la struttura che interesserà la “Lazzarelli” dove sono presenti 85 degenti e 50 addetti tra inservienti, operatori sanitari e dipendenti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-03-2020 alle 12:17 sul giornale del 25 marzo 2020 - 1513 letture

In questo articolo si parla di cronaca, san severino marche, Comune di San Severino Marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bijm





logoEV