Mascherine fatte in casa per famiglia e amici: l'idea di una giovane mamma di Camerino

3' di lettura 04/04/2020 - Mascherine anti-Coronavirus fai da te per la famiglia e qualche altro caro conoscente. Le realizza una giovane mamma camerte con l’hobby per la sartoria. In tempi di emergenza per reperire i dispositivi di protezione individuale ci si arrangia anche in casa e se si ha già la passione per il cucito non è un grande sacrificio.

Certo è che la produzione però è limitata e non può essere diversamente visto che la materia prima la si riesce a trovare solo fra le mura amiche. L’idea non è nemmeno unica, ma l’impegno è lodevole e il risultato eccellente.

Il prodotto non ha tutte le caratteristiche necessarie secondo le certificazioni, ma è efficace, riutilizzabile perché lavabile e si può sanificare, ma soprattutto indispensabile viste le disposizioni che ogni giorno cambiano e diventano sempre più ferree anche sull’utilizzo di mascherine e quant’altro possa difendere una persona dal contatto con il virus. Inoltre è anche un modo per passare il tempo, ma per Stefania V. questo è un sacrificio che fa volentieri, in quanto oltre a dedicarsi alla famiglia, la sartoria è la sua passione preferita, considerato che di oggetti in tessuto ne realizza diversi, tanto da partecipare spesso e volentieri a mercatini del piccolo artigianato.

Ragazza dolce molto sensibile e timida, mette molta cura nella realizzazione di queste mascherine “fai da te” che grazie ai loro vari colori contribuiscono a rendere più vivace l’ambiente familiare, ora più partecipato che mai e sempre più bisognoso di questo dispositivo anche fra le mura domestiche. Infatti ci si è accorti forse tardi, ma non è il solo aspetto di questa quarantena infinita, che fra i nuclei familiari si annida spesso il contagio. “L’idea mi è venuta in quanto le mascherine non si trovavano più – dice Stefania - e da qualche giorno ho pensato di realizzarle da sola. All’inizio avevo pensato di donarle, ma non sarei riuscita a produrne tante, così mi sono limitata a produrle per la nostra famiglia, i parenti e gli amici più cari. Poche insomma, anche perché per realizzarne una ci vogliono almeno 15 minuti. In due-tre giorni ne ho fatte una trentina”.

Da quando ha iniziato, pochi giorni fa, la signora appunto ne ha realizzate una trentina, riuscendo così a soddisfare al momento il proprio nucleo famigliare e quelli dei parenti più vicini, con qualche eccezione per gli amici più stretti. “Come materiale utilizzo qualsiasi tipi di ritaglio di stoffa che trovo in casa – continua Stefania – di qualsiasi colore. Ne ho realizzate anche in jeans. La mascherina è formata da stoffa, tessuto e non tessuto (tnt) ed in alcuni casi anche filtri degli aspirapolvere. Non sono certo le mascherine chirurgiche, ma è meglio di niente e speriamo che ci siano d’aiuto”.


di Angelo Ubaldi
redazione@viverecamerino.it





Questo è un articolo pubblicato il 04-04-2020 alle 18:18 sul giornale del 06 aprile 2020 - 2461 letture

In questo articolo si parla di attualità, camerino, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bi3y