Legambiente e Fai a difesa del Bosco Urbano di Pievebovigliana: "Testimonianze naturalistiche siano rispettate e conservate"

Valfornace Pievebovigliana 2' di lettura 04/08/2020 - La Delegazione FAI di Macerata si schiera a fianco di Legambiente nella difesa del Bosco Urbano del Comune di Valfornace.

Si tratta di una nota ed apprezzata area verde sita nelle adiacenze di via Mariana da Frontillo in Pievebovigliana, che il Comune vorrebbe trasformare in un’area parcheggio per camper e per l’eventuale posizionamento provvisorio di abitazioni mobili in un’ottica di valorizzazione turistica dell’area.

Seppur la Delegazione FAI Macerata sostenga da sempre il ritorno del turismo nell’entroterra maceratese, non si può non auspicare che ciò avvenga nel pieno rispetto dell’importantissimo patrimonio naturale che la montagna rappresenta, mentre la realizzazione di una simile proposta purtroppo renderebbe necessario il preliminare abbattimento del Bosco Urbano per la prevedibile realizzazione di opere edilizie ed impiantistiche necessarie ed indispensabili per un corretto e sicuro funzionamento della nuova area camper.

“Al riguardo - afferma Maria Paola Scialdone, capodelegazione del FAI Macerata – fermo restando ogni considerazione e valutazione di carattere ambientale, paesaggistico, artistico ed urbanistico, sui quali ci riserviamo di approfondire nel dettaglio, preme sottolineare che la suddetta area fu bonariamente ceduta al Comune di Pievebovigliana in occasione di un esproprio per la costruzione di abitazioni popolari, con l’espressa ed esplicita volontà di destinarla a piantagione di essenze arboree autoctone, operazione che si concretizzò durante la Festa degli Alberi del 7 aprile 1993 a cura delle scolaresche locali.”

Come ricorda ancora Maria Paola Scialdone, il Comune di Pievebovigliana, onorando un vincolo contrattuale virtuale e virtuoso, dedicò successivamente l’area stessa alla memoria degli insigni concittadini don Giambattista Lucarini e don Giuseppe Aureli, missionari in sud America, dell’ordine di San Luigi Orione, tanto che il giorno 19 agosto 2005 lo stesso Comune pose un cippo a loro memoria con la scritta “Fare del bene sempre, fare del bene a tutti, del male mai a nessuno”. “Siamo pienamente consapevoli – conclude la capodelegazione FAI Macerata – che purtroppo, il recente sisma ha distrutto molte cose, con grave impatto anche sulla sfera psicologica e sentimentale della popolazione sopravvissuta a tale calamità. È per tale ragione, quindi, che si chiede che almeno le memorie e le testimonianze naturalistiche, anche nel rispetto della recente enciclica “Laudato sii”, siano rispettate, conservate e mantenute, in quanto valori che vanno ben oltre gli aspetti materiali, economici eventualmente sottesi e presi in considerazione nella iniziativa dell’Amministrazione”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-08-2020 alle 15:55 sul giornale del 05 agosto 2020 - 199 letture

In questo articolo si parla di attualità, Pievebovigliana, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bssF





logoEV