Test Coronavirus all'Halley di Matelica: 2 i casi positivi

2' di lettura 23/10/2020 - Su 323 dipendenti dell'Halley Matelica sottoposti al test solo 2 sono risultati positivi e naturalmente asintomatici. Il rapporto test/contagi è stato dello 0,6%. Un rapporto molto buono se si pensa che nello stesso giorno a livello nazionale è stato dello 8,5%.

"I test sono stati effettuati con tamponi rapidi nella giornata di mercoledì dagli esperti del Laboratorio Biemme di Castelraimondo con il quale siamo convenzionati" ha affermato Roberta Vitagliano, vicedirettrice nell’azienda, impegnata in prima persona insieme alla direttrice generale Laura Brugnola.

"L’esecuzione dei tamponi – ha continuato la Vitagliano – è durata complessivamente circa 8 ore ed è stata decisa nella mattinata di martedì, dopo aver scoperto la positività di due dipendenti, risultati asintomatici, che avevano effettuato il tampone privatamente. Immediatamente ci siamo attivati per fare il test a tutti i dipendenti che in questo periodo lavorano negli uffici di Matelica. Presso tali uffici normalmente lavorano circa 420 persone, ma un centinaio sono ancora in smartworking. Il risultato dell’operazione è stato più che soddisfacente ed ha gratificato tutta la direzione aziendale dimostrando che le misure adottate in tutti questi mesi di pandemia non sono state inutili".

Il giovane imprenditore ed amministratore dell’azienda, Francesco Ciccolini, ha anche sottolineato come "il test effettuato, che ha coinvolto un campione significativo, getta buone speranze sulla diffusione del contagio tra i giovani di Matelica e dei paesi vicini".

Da parte della direttrice Laura Brugnola è stato inoltre assicurato che "lo screening effettuato sarà solo il primo di una serie che d’ora in avanti ripeteremo periodicamente al fine di appurare lo stato di salute dei nostri dipendenti e di limitare i contagi".

Nel contrasto del contagio la Halley Informatica srl si è dimostrata subito molto reattiva. Dal 9 marzo scorso, qualche giorno prima dell’inizio del lockdown, tutti i 600 dipendenti distribuiti sul territorio nazionale hanno iniziato a lavorare in modalità smart working. L’azienda non ha fatto uso della cassa integrazione, né chiesto l’utilizzo di ferie o altri sacrifici ai lavoratori se non quello di lavorare da casa per garantire la continuità del servizio ai clienti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-10-2020 alle 03:14 sul giornale del 24 ottobre 2020 - 1402 letture

In questo articolo si parla di attualità, matelica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bzpW





logoEV