Un gesto che ora più che mai può fare la differenza per le zone colpite dal sisma e per gli allevatori, che non possono lasciare la terra distrutta dal terremoto e coperta dalla neve, per stare vicino ai loro animali che stanno purtroppo morendo per il freddo.



La neve ed il terremoto non fanno altro che aggravare la grave situazione che stanno passando gli allevatori pievetorinesi.


“Il fiume Nera è passato da una portata di 3 metri cubi al secondo a ben 7 metri cubi al secondo".


Sono ancora 35 le frazioni isolate nell'Ascolano e 3 nel Maceratese. Continuano a lavorare i circa duecento mezzi e tutte le colonne mobili provenienti dalle altre Regioni a rinforzo dei mezzi messi in campo da Comuni, Province, Regione e privati per assistere la popolazione e per ripristinare la viabilità. In accordo con la Dicomac i mezzi vengono poi assegnati ai Comuni in base alle priorità e alle richieste dei sindaci e delle Soi.


Il superlavoro dei tecnici e degli operai della società municipalizzata Assem di San Severino Marche ha limitato al massimo i disagi per la popolazione a causa dell’improvviso blackout elettrico che dal pomeriggio di martedì scorso, 17 gennaio, ha interessato diversi Comuni del territorio Maceratese.


Venerdì 20 gennaio, dalle 15 alle 18.30 a Castelraimondo, presso Borgo Lanciano, confronto su esperienze e prospettive per ricostruire le comunità dei territori colpiti dal sisma.


Una proroga straordinaria di almeno 30 giorni, rispetto alla scadenza del 6 febbraio, per la gestione delle iscrizioni al prossimo anno scolastico 2017/2018 nelle aree colpite dal sisma.


Il Sindaco di Camerino, con ordinanza 199/2017, ha disposto la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado e dell’asilo nido per le giornate di venerdì 20 e sabato 21 gennaio 2017 causa neve.



Sono ben due le startup marchigiane fra le 10 finaliste del Klimahouse Startup Award.


Edizioni Vivere
Le tue notizie sui quotidiani Vivere
su http://vivere.biz/comunicatistampa trovi tutte le informazioni su come inviare comunicati stampa...
Edizioni Vivere
Le tue notizie sui quotidiani Vivere
su http://vivere.biz/comunicatistampa trovi tutte le informazioni su come inviare comunicati stampa...

“Stiamo aprendo strade comunali completamente chiuse, ci sono abitazioni isolate con accanto stalle crollate che stiamo cercando di raggiungere. Qui la neve è alta da 1 metro e 20 a un 1 metro e 80 centimetri ed ha bloccato tutto il paese”.


Resterà aperto anche la prossima notte il Centro di accoglienza allestito dal Comune di San Severino Marche nella vecchia palestra dell’Istituto comprensivo “Padre Tacchi Venturi” per ospitare la popolazione dopo il susseguirsi delle nuove scosse di terremoto.



Continua l'emergenza neve e sisma nelle Marche. Al lavoro il Comitato operativo regionale riunito in modo permanente per organizzare i mezzi e gli uomini che, dalle altre regioni, stanno raggiungendo le numerose frazioni isolate dell'ascolano e del maceratese.


Si sta normalizzando la situazione sulle strade provinciali riaperte quasi nella loro totalità nonostante le avverse condizioni metereologiche che non hanno facilitato il compito degli operatori da giorni sottoposti a turni più che pesanti.


“Mi sento come se mi avessero tagliato in due, ho il cuore che mi scoppia e lo stomaco in subbuglio per tanto dolore."



Risulta impossibile verificare ulteriori eventuali danni in zona rossa.


Rischiano di morire dal freddo a causa dell'isolamento provocato dalla neve alcune mucche nei pressi di Gualdo, frazione di Castelsantangelo sul Nera.


Blackout, con sospensione dell’elettricità per diverse ore nel corso della notte, anche in numerose zone del Comune di San Severino, come in altri centri limitrofi.


Attraverso turbine verrà garantita l’accessibilità dei luoghi colpiti ancora una volta dal sisma.


Il sindaco del Comune di San Severino Marche, Rosa Piermattei, ha deciso di riattivare uno dei centri di accoglienza per la popolazione dopo il susseguirsi di nuove scosse di terremoto.


Due stalle di aziende terremotate sono crollate a Gualdo, nel Maceratese, per il peso della neve uccidendo o ferendo una novantina di capi tra mucche e pecore.


“Non vi rendete conto cosa vuol dire combattere con un metro di neve, un metro e venti, a fondo valle."


Sant'Antonio è un santo simpatico alla gente, ma lui, che è vissuto nel deserto torrido dell'Egitto, ha scelto per la sua festa il giorni più freddi dell'inverno.



Sabato 21 gennaio 2017 dalle ore 9,00 alle 12.30 al Cinema Teatro Italia a San Severino Marche si svolgerà un incontro pubblico dal titolo: “VOGLIO TORNARE, A CASA – RISARCIMENTO DEL DANNO E TECNOLOGIE PER LA RISTRUTTURAZIONE DEGLI EDIFICI DANNEGGIATI”.


Le copiose nevicate delle ultime ore hanno costretto diversi sindaci ad emettere nuove ordinanze di chiusura delle scuole.



Ha riaperto i battenti nella nuova sede di via Madonna delle Carceri, lo storico Bar Diana della Famiglia Marsili, sfrattato a causa del violento sisma dell’ottobre scorso dal centro storico di Camerino, dopo 60 anni di lunga e ininterrotta attività.


Ricostruire l’identità e la coesione dei territori colpiti dal sisma attraverso le attività sociali dell’agricoltura. La rete marchigiana di aziende rurali mette a disposizione le iniziative avviate, come gli agrinido, l’orticoltura didattica, i laboratori per gli anziani.


Gli studenti Erasmus dell'Università di Camerino nonostante il terremoto non hanno perso l'entusiasmo di vivere una delle esperienze più belle della loro vita presso la città ducale.


“Ripartiamo dalla scuola per ricostruire le comunità colpite dal sisma”. È stato il filo conduttore degli interventi svolti dall’assessore all’Istruzione, Loretta Bravi, nel corso degli incontri con le istituzioni scolastiche di Senigallia, Pieve Torina e Corridonia che si sono tenuti nei giorni scorsi.


Si è svolto lunedì mattina nella sede della Regione Marche, a palazzo Raffaello, un incontro istituzionale per il progetto di realizzazione di un collegamento intervallivo San Severino Marche – Tolentino.


L’Assem Spa segnala che in questi giorni si è verificato un anomalo abbassamento dei livelli dei serbatoi di accumulo di acqua potabile, causato da un aumento dei consumi nella rete di distribuzione nei Comuni di San Severino Marche, Castelraimondo, Gagliole e Pioraco.


C’è anche una giovanissima imprenditrice di San Severino Marche tra gli agricoltori della Coldiretti Macerata al lavoro sui trattori per garantire la circolazione sulle strade.


Prorogata la chiusura delle scuole a Camerino.


Continuano le azioni positive a favore delle popolazioni terremotate.


Scende la neve e chiudono le scuole.