...

“Un atto gravissimo che sancisce lo scollamento profondo del governo Conte con la realtà che abita fuori da palazzo Chigi”, lapidario il commento di Massimo Montesi (nella foto), coordinatore regionale di Articolo 1 Mdp Marche che attacca “tutti i componenti del governo tornassero nelle zone colpite dai sismi ed, una volta finite le passerelle dei tagli dei nastri, si confrontino con chi sta lavorando incessantemente ed in silenzio per una dorsale appenninica ancora sotto le macerie”.


...

Togliere il ruolo ai presidenti di Regione con un emendamento della maggioranza è un colpo di mano. Così il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli definisce l’emendamento notturno della maggioranza di Governo che, nella conversione del decreto relativo alla ricostruzione, toglie ai presidenti delle Regioni Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio, subcommissari al terremoto del 2016, il potere di condivisione delle ordinanze commissariali.


...

“Prendo atto che i Presidenti delle Regioni hanno scelto di interpretare in modo strumentale un passaggio legislativo per lo snellimento della ricostruzione. In questo modo si continua a rispondere non alla gente, ma alle logiche della vecchia politica che non appartengono né a me né al Governo. Mi spiace che i Presidenti delle Regioni terremotate invece di prendere atto del nuovo corso realmente condiviso della ricostruzione si prestino ad essere strumento di opposizione anziché di costruzione”.





...

Il comportamento della Regione Marche sui fondi del terremoto è del tutto fuori luogo; crea ad arte allarmismo in cittadini e amministrazioni locali già duramente provati con lettere infondate che gettano nello sconforto e nell'incertezza con l'unico obiettivo di attaccare il Governo. Non si fa propaganda sulla pelle dei terremotati con l'aggravante di cercare di coprire propri ritardi.




Edizioni Vivere
Accesso universale
Con il tuo username e la tua password puoi accedere e commentare su tutti i quotidiani "Vivere"!...
Edizioni Vivere
La tua opinione è importante
Su tutti gli articoli di questo giornale è possibile lasciare un commento. L'idea che tutti stanno...




...

Dall’11 settembre ancora nessuna notizia sul nuovo Commissario Straordinario per la ricostruzione. Le indiscrezioni che appaiono sulla stampa locale dicono, al di là dei nomi che emergono, che comunque non si prende atto che serve una svolta nella struttura della ricostruzione, e che non si andrà alla nomina di più Commissari, che per quanto riguarda le Marche significa ancora una volta essere obbligati a seguire le sorti e le decisioni delle altre Regioni.


...

Manifestata ormai in tutte le maniere la necessità di ulteriore personale per il Comune al fine di gestire le incombenze legate al terremoto che ha distrutto la città di Camerino, il sindaco Gianluca Pasqui nei giorni scorsi ha inoltrato una richiesta di militari in ausiliaria a supporto della pubblica amministrazione, ai sensi dell'art. 992 del D.Lgs 66 del 15 marzo 2010 di utilizzo di personale militare in ausiliaria come da pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 14 settembre 2018.


...

Apprendo con grande soddisfazione della nomina del prof. Marcello Fiori a Commissario Regionale di Forza Italia per le Marche. Una scelta importante, da parte del presidente Silvio Berlusconi e del presidente Antonio Tajani, che hanno certamente visto in Marcello Fiori l’uomo giusto per rilanciare la presenza di Forza Italia sul territorio, ma anche un personaggio che potrà essere di sicuro aiuto per le Marche in questi anni che fanno seguito al devastante sisma del 2016.




...

Il Partito Democratico della zona montana è fortemente preoccupato per quanto sta accadendo relativamente al completamento dei lavori sulla ss76, un arteria vitale per la viabilità di tutto il comprensorio, che non può essere recisa, pena l'isolamento di tutto il nostro territorio.










...

Come annunciato negli scorsi giorni si è svolto nella mattinata di lunedì 10 l’incontro tra i vertici di Quadrilatero e i Sindaci dei Comuni interessati dai cantieri del raddoppio della Statale 76 e della Pedemontana Fabriano-Muccia. Oltre al sottoscritto erano presenti i Sindaci dei comuni di Genga, Serra San Quirico, Sassoferrato, Cerreto d’Esi e Muccia e l’Assessore e i tecnici del comune di Matelica.