Matelica: nello spettacolo 'il Cane Nero' va in scena Enrico Mattei

Cane Nero 2' di lettura 06/04/2010 - "Il signore del Cane Nero, Storie su Enrico Mattei"  scritto e interpretato da Laura Curino con la regia di Gabriele Vacis sarà in scena giovedì 8 aprile al Teatro Piermarini, penultimo titolo del cartellone predisposto da Comune e Amat con l’associazione Ruvido Teatro e con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Regione Marche.

Dopo aver raccontato in teatro la dinastia Olivetti, Laura Curino tratteggia ora il profilo di Enrico Mattei, altro grande industriale italiano del Novecento.


Giovanni Guareschi diceva che: «Enrico Mattei è, senza dubbio, l’uomo più potente d’Italia e, all’infuori dell’elezione del Santo Padre, tutto il resto dipende - in Italia - direttamente o indirettamente da lui nel senso che, dovunque egli lo voglia, può attivamente intervenire e far sentire il peso della sua smisurata forza.


Col metano egli controlla l’industria, coi concimi chimici egli è in grado di controllare l’agricoltura, con le sue circa cinquanta aziende “sicure” (in quanto garantite dallo Stato) egli regna sul mercato finanziario ed è in grado di assorbire facilmente una parte colossale del risparmio nazionale.


Non esiste città, paese, villaggio, strada che non siano presidiati dai distributori di benzina del Cane Nero: attraverso questi “blocchi” stabili, il Signore del Cane nero è in grado di controllare qualsiasi spostamento di uomini o cose»: Partigiano, deputato, regista della creazione di una forte industria energetica nazionale, Mattei ha rappresentato una figura imprenditoriale di grande forza e carisma, capace di imporre l’Italia come soggetto economico autorevole anche sui mercati internazionali.


In scena è ripercorsa la parabola di un pensiero politico e sociale e si raccontata la ferma determinazione – quella che Montanelli indicò come di un uomo che, dall’entroterra marchigiano da cui proveniva, percorre tutte le tappe folgoranti di una carriera finita tragicamente nel ’62 in un misterioso incidente aereo. Un mistero su cui anche Pier Paolo Pasolini si era espresso in un capitolo ‘mancante’ del suo Petrolio, il cui manoscritto recentemente riapparso ha portato alla riapertura delle indagini giudiziarie sull’omicidio dello scrittore.


Un’altra saga dell’industria attraverso la quale ricostruire, in controluce, speranze e disillusioni dell’Italia appena uscita dalla guerra. Lo spettacolo è prodotto dalla Fondazione del Teatro Stabile di Torino Associazione Culturale Muse in collaborazione con Piccolo Teatro di Milano - Teatro d’Europa Con il sostegno di Eni Italgas.


Informazioni e biglietti: biglietteria del Teatro Piermarini (via Umberto I Matelica) tel. 0737/85088 o tel. 0737/781830 (Biblioteca Comunale) oppure presso gli uffici Amat (corso Mazzini 99 Ancona) tel. 071/2072439.

In internet biglietti in vendita esclusivamente sul sito www.vivaticket.it.

Inizio spettacolo ore 21,15








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-04-2010 alle 13:04 sul giornale del 07 aprile 2010 - 580 letture

In questo articolo si parla di cultura, teatro, eni, andrea cesanelli, amat marche, cane nero, vercellik, sei zampe