Finanziato un progetto di ricerca Unicam sulle malattie genetiche

Maura Montani 1' di lettura 26/04/2010 - Un grande successo è stato di recente riscosso da una giovanissima ricercatrice della Scuola Unicam di Bioscienze e Biotecnologie, la dott.ssa Maura Montani che ha ottenuto, in qualità di responsabile di unità operativa, un finanziamento di 162.000 euro nell’ambito dei fondi “FIRB giovani”, per un progetto di ricerca dal titolo: “Comprensione delle interazioni tra Cellule e Nanoparticelle Lipidiche per il Trasporto Genico”.

Lo studio rientra nel campo delle Biotecnologie Mediche ed è finalizzato alla realizzazione di vettori, sicuri e biocompatibili, in grado di trasportare con elevata efficienza geni esogeni nelle cellule. La tecnica sperimentata nei laboratori Unicam potrebbe avere in futuro importanti risvolti nella cura delle malattie genetiche, per la possibilità di far entrare nella cellula geni esterni che possono andare a compensare le alterazioni del patrimonio genetico.

“La ricerca – sottolinea il Prof. Claudio. Gualerzi, Direttore della Scuola – permetterà di aprire nuove strade alla terapia genica, un campo di intervento biomedico che oggigiorno attrae sempre di più l’interesse della comunità scientifica. Prerequisito per un impiego ottimale di questi vettori e per il miglioramento della loro efficienza – prosegue il Prof. Gualerzi – è la piena comprensione dei meccanismi molecolari che ne regolano il funzionamento e grazie al progetto di ricerca svolto dalla Dr.ssa Montani sarà possibile una migliore comprensione dei meccanismi alla base delle interazioni tra particelle lipidiche e cellule”.

La notizia del finanziamento è stata accolta con grande soddisfazione da Unicam e, in particolare, dalla Scuola di Bioscienze e Biotecnologie.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-04-2010 alle 18:29 sul giornale del 27 aprile 2010 - 497 letture

In questo articolo si parla di attualità, università di camerino, camerino, Unicam


logoEV
logoEV