Scuole in centro, le ipotesi al vaglio dell'amministrazione

dario conti 2' di lettura 24/06/2010 -

Riprende quota la possibilità di trasferire le scuole in centro, che è tra le possibilità al vaglio dell'amministrazione comunale, per risolvere la situazione dell'Istituto tecnico Antinori e del liceo socio-psico-pedagogico, i cui alunni che si sono succeduti negli ultimi tredici anni hanno frequentato le lezioni nei container.



Il recente deposito della perizia tecnica che dovrebbe far luce sull'esistenza di un movimento franoso nella zona di San Paolo, dove è stato sequestrato il cantiere delle scuole in costruzione, apre diverse possibilità. "Non conosco al momento il contenuto della perizia – spiega il sindaco Dario Conti – speriamo che il dissequestro avvenga al più presto, poi in base al contenuto delgli atti, decideremo come comportarci". Ci sono diverse ipotesi allo studio dell'amministrazione:"Non escludiamo nulla – conferma Conti – la possibilità di trasferire le scuole in centro, se non si trovasse una soluzione in breve tempo, la stiamo valutando. E' certo che in questa situazione va coinvolta la Regione, ed anche il nuovo commissario provinciale, con cui parleremo".

"Speriamo che l'attuale situazione si possa sbloccare al più presto, l'attenzione dell'amministrazione è massima, cercheremo di fare il possibile per poter andare avanti", conclude il primo cittadino. Sintonia di vedute l'ha espressa anche il vicesindaco Gianluca Pasqui: "Noi speriamo che ci possa essere un dissequestro in tempi rapidi, ma se non sarà così possiamo ragionare sulla possibilità di riportare le scuole in centro, se tale ipotesi sarà percorribile".

Tra le iniziative intraprese ci sarà quella di poter far rientrare la situazione del cantiere delle scuole in località San Paolo, come situazione eccezionale ed urgente, ipotesi che sarà prospettata al sottosegretario alla Infrastrutture on.Mantovani, che una delegazione dell'amministrazione comunale dovrebbe incontrare a breve. "Le scuole sono una delle priorità da risolvere – spiega Pasqui – questa situazione è un'indecenza, una mancata dignità per la città, il territorio e tutti gli alunni, ora basta tutto questo non si può prolungare oltre".


Ci sono molti elementi da valutare, per poter procedere a ritrasferire le scuole in centro. L'ex edificio delle magistrali attualmente è occupato dalle segreterie studenti dell'università, mentre lo stabile che ospitava ragioneria e geometri è in corso di ristrutturazione per essere trasformato in un ostello. Lo stabile vicino San Filippo è di proprietà del comune, mentre anche lo spazio dell'ex ospedale civile resta libero. L'accessibilità e la funzionalità degli spazi per l'utilizzo ai fini delle lezioni scolastiche ed il rispetto delle normative, sono tra i parametri che condizioneranno l'eventuale scelta in materia.






Questo è un articolo pubblicato il 24-06-2010 alle 19:57 sul giornale del 25 giugno 2010 - 427 letture

In questo articolo si parla di attualità, monia orazi


logoEV
logoEV