San Severino: incontro istituzionale contro il trasferimento della terza classe Ipsia

Scuola 2' di lettura 18/08/2010 -

L’Amministrazione comunale di San Severino Marche sta seguendo molto da vicino l’evolversi della situazione relativa all’apertura della terza classe, indirizzo meccanica, dell’Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato “Ercole Rosa”. Mercoledì mattina l’assessore comunale all’Istruzione, Alessandra Aronne, ha incontrato le famiglie degli alunni che solo in questi giorni, come denunciato in una lettera indirizzata al preside ed al direttore dell’Ipsia e per conoscenza al sindaco, sono venuti a sapere della paventata ipotesi di chiusura della classe stessa “a seguito di una decisione del Consiglio di Istituto”.



“Così come hanno fatto le famiglie – sottolinea in una nota l’assessore Aronne – anche noi amministratori siamo rimasti colpiti, ed al tempo stesso sorpresi, dalla notizia che per tutti è veramente inaspettata ed inattesa. Dal confronto avuto questa mattina con i genitori risulta, infatti, che gli alunni della sede di San Severino sono in maggioranza rispetto al gruppo degli alunni provenienti dalla sede di Matelica. Su 19 alunni ammessi alla classe terza, infatti, ben 12 sono settempedani. Questa situazione l’abbiamo fatta presente al direttore dell’Ipsia al quale abbiamo anche parlato delle effettive difficoltà di collegamento e di trasporto che avrebbero i nostri alunni, molti dei quali arrivano delle frazioni del territorio, a raggiungere Matelica”.

Tenuto costantemente al corrente della situazione il sindaco, Cesare Martini, ha espresso la propria contrarietà verso ogni ipotesi di trasferimento: “Come Amministrazione ci siamo impegnati per la risistemazione dell’Istituto Professionale dopo il terremoto che per questo non è stato ancora ceduto alla Provincia. A seguito di tali opere sono state sistemate e messe a norma anche le officine. Di recente il Consiglio comunale ha infine trasferito all’Ipsia i risparmi della Fondazione “Ercole Rosa” grazie ai quali è stato sistemato il laboratorio di informatica. Come risposta ora neanche dalla scuola, ma addirittura dalle famiglie, veniamo informati di un’ipotesi che è assolutamente assurda ed inconcepibile e che non accetteremo mai”.

Perché si possa trovare in tempi brevi una soluzione, e comunque perché sia avviato un dialogo che coinvolga tutte le autorità deputate a prendere una decisione, l’Amministrazione comunale di San Severino Marche ha fissato un nuovo incontro per l’inizio della prossima settimana alla presenza del dirigente scolastico e delle famiglie degli alunni che fin da ora hanno comunque espresso la loro volontà di iscrivere i propri figli a Tolentino qualora non dovesse essere attivata la classe terza in città.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-08-2010 alle 15:57 sul giornale del 19 agosto 2010 - 587 letture

In questo articolo si parla di attualità, san severino marche, Comune di San Severino Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/bj2





logoEV
logoEV