Vendevano banner 'infilati' in contratti telefonici: denunciati per truffa

carabinieri 1' di lettura 08/09/2010 -

Due uomini sulla trentina, dipendenti di una società incaricata di stipulare contratti per una compagnia telefonica, sono stati denunciati dai Carabinieri di Civitanova con l'accusa di concorso in truffa aggravata e continuata.



Nel corso dell'anno infatti, secondo le indagini, i due si sarebbero presentati a numerosi cittadini ed imprese proponendo loro contratti telefonici con piani di rientro agevolati, successivi ad alcuni contratti receduti. Da qui, la vera 'truffa'. I trentenni aggiungevano quindi un 'banner' su un sito internet, facendo pagare 1.700 euro annui per la pubblicità alle loro vittime. In tutti i casi, i contraenti accettavano di pagare la somma quale condizione necessaria per il rientro con la compagnia telefonica.

Ma i contraenti, dopo alcune settimane dalla firma di quei contratti, quando gli giungevano i RID dei prelievi sui conti correnti delle restanti rate dei contratti, si ravvedevano e iniziavano a chiedere informazioni alla compagnia telefonica, scoprendo così che il piano di rientro non era vincolato a nessun tipo di contratto. Immediata la denuncia di cittadini privati ed imprese ai Carabinieri che avviavano le indagini per individuare gli episodi avvenuti nel maceratese e i responsabili.

Pertanto gli accertamenti dei militari dell’Arma hanno confermato la stessa dinamica dei fatti in tutti i casi della costa e dell'entroterra e identificato i due responsabili che ora dovranno rispondere dei reati di truffa aggravata e continuata.






Questo è un articolo pubblicato il 08-09-2010 alle 20:21 sul giornale del 09 settembre 2010 - 493 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, truffa, 112, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/bVX





logoEV
logoEV