Calcio: Settempeda, ancora un pari con la Folgore Castelraimondo

settempeda calcio 3' di lettura 27/10/2010 -

Tra Settempeda e Folgore Castelraimondo non vince mai nessuno. Dal passato campionato, compresa la Coppa Marche ed i play-off, si sono registrati 5 “ics”, gli ultimi 3 con un nulla di fatto. Anche sabato scorso, al comunale di Castelraimondo, emozioni scarse e squadre coperte.



Poteva sbloccare l’ex Castelli, al 34’ della ripresa, ma sull’invito di Paniccià l’ala settempedana ha incornato sul legno più lontano, facendo la cosiddetta barba al palo. “Abbiamo disputato una gara senz’altro migliore rispetto alle due precedenti – ha commentato a fine partita mister Bozzi – ma ci è mancata la cattiveria agonistica nei sedici metri”. La Settempeda è forse la formazione che più dell’avversaria rimpiange il mancato successo, anche perché da una rosa ben attrezzata come quella biancorossa ci si aspetta sempre il massimo. Comunque, soprattutto in difesa, le scelte di Daniele Bozzi sono state obbligate.

E dovrebbero continuare a restare tali poiché Gheroni, dopo un anno tribolato, è tornato a scalciare la dea bendata dato che in allenamento ha riportato uno strappo al bicipite femorale che gli imporrà uno stop sensibile. Juri Elisei, dal canto suo, lamenta ancora dolori alla caviglia toccata dura a Muccia e per l’immediato il suo ritorno in campo è da reputarsi alquanto improbabile. A Castelraimondo si è però potuta apprezzare la duttilità di Sandro Foglia che ha lasciato il suo ruolo naturale di fluidificante sinistro per posizionarsi al centro della difesa. Senza dannarsi l’anima ma anche concedendosi un paio di sortite alla Lucio, Foglia ha ben figurato accanto a Giammarco Polizzi che è entrato nella leggenda, avendo collezionato sabato scorso la sua 500^ partita. Gianni Rivera è… a tiro! Con Mengani un po’ meno ispirato del solito anche perché stanco e avvicendato nella ripresa dallo scalpitante Traversi, è il reparto avanzato, orfano ancora di Clemente, che è tornato con le polveri bagnate dopo due giornate in cui gli attaccanti avevano fatto fuoco e fiamme (5 centri in 180’).

Stavolta non è bastato l’ingresso del presidente bomber Piero Sileoni. Comunque, con tre trasferte su quattro gare, di cui due sugli insidiosi terreni di Urbisaglia e Castelraimondo, il bilancio parziale degli ultimi quattro impegni da cui sono sortiti 6 punti può essere etichettato come positivo. Ora, però, bisogna tornare a correre nel prossimo confronto interno con i Giovani Tolentino.

Il gruppone di testa formato da cinque formazioni (Serralta, Folgore, Belfortese e Pievebovigliana, oltre ai biancorossi) deve ridursi e la Settempeda non ha nessuna intenzione di staccarsi.

FOLGORE CASTELRAIMONDO: Corvino, Tapanelli, Piriti, Leonelli, Sparvoli, Passarini, Micucci, Grasselli, Sfrappini (81’ Martella), Paggi (54’ Taini), Nebbia (91’ Lori). All. Ortolani
SETTEMPEDA: Marziali, Panichelli, Foglia, Appignanesi, Polizzi, Paniccià, Ruggeri, Mengani (69’ Traversi), Tiranti (78’ Sileoni), Teloni (60’ Castelli), Magnani. All. Bozzi
ARBITRO: Damiani di Ascoli Piceno








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-10-2010 alle 16:33 sul giornale del 28 ottobre 2010 - 793 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, san severino marche, settempeda calcio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dL4





logoEV
logoEV