Matelica: biodiversità, seminario sugli habitat forestali delle Marche

parco dei sibillini 2' di lettura 11/11/2010 -

L’ottavo appuntamento del ciclo di seminari che coinvolgono le Aree Protette delle Marche per celebrare l’Anno Internazionale della Biodiversità, affronterà il tema degli habitat forestali. L’incontro è stato organizzato dalla Riserva naturale regionale dei Monti San Vicino e Canfaito, l’ultima istituita in ordine di tempo nelle Marche, e si svolgerà venerdì 12 novembre, a partire dalle ore 9, nella Sala Convegni di Palazzo Ottoni, in Piazza Mattei a Matelica.



L’attenzione sarà rivolta alla biodiversità forestale presente nel territorio regionale e alle varie funzioni che gli ecosistemi forestali svolgono.

“Tra gli obiettivi dei più recenti summit delle grandi nazioni mondiali – ricorda l’assessore regionale all’Ambiente, Sandro Donati - relativamente al controllo dei gas serra in atmosfera (primo fra tutti l’anidride carbonica), c’è la consapevolezza del ruolo fondamentale svolto dagli ecosistemi forestali in fatto di serbatoi di carbonio; attraverso la fotosintesi, infatti, boschi e foreste sottraggono CO2 all’atmosfera e la conservano, immobilizzandola per tempi anche molto lunghi, sia sotto forma di biomassa vegetale che di sostanza organica nel suolo. Oltre a ciò, vanno sottolineate anche la funzione produttiva (legname, frutti), la funzione protettiva e di tutela del suolo in fatto di regimazione delle acque e la funzione turistico-ricreativa e di salvaguardia dell’ambiente naturale. In tale ottica, i parchi e le riserve naturali rappresentano i migliori laboratori di cui disporre per imparare a conoscere, monitorare, gestire e conservare i sistemi naturali dai quali dipendiamo, con i benefici che questi ci assicurano”.

Il seminario sarà introdotto dai saluti del sindaco di Matelica, Paolo Sparvoli , del presidente della Comunità Montana delle Alte Valli del Potenza e dell’Esino, Gianluca Chiappa, del consigliere regionale Adriano Cardogna, del funzionario del settore Ambiente della Provincia di Macerata, Luca Addei, di Claudio Zabaglia, P.F. Biodiversità e Rete Ecologica della Regione Marche e del comandante provinciale del Corpo Forestale dello Stato, Giuseppe Bordoni. Fra gli interventi, quelli del professor Riccardo Santolini dell’Università degli Studi di Urbino su “Biodiversità, funzioni e servizi ecosistemici negli ambienti forestali”; di Edoardo Biondi e Simona Casavecchia, docenti dell’Università Politecnica delle Marche su “Gli ultimi habitat forestali riconosciuti dalla Comunità Europea”; di Alessandra Vitanzi dell’Ateneo di Camerino sulla “Valutazione dello stato degli habitat forestali attraverso gli indicatori vegetali: il caso dei boschi di carpino nero”; dello zoologo Paolo Perna su “Le zoocenosi forestali nella rete ecologica delle Marche”; del professor Carlo Urbinati dell’Università Politecnica delle Marche su “Biodiversità e gestione multifunzionale delle risorse forestali” e del professor Andrea Catorci di Unicam su “La storia del paesaggio forestale come strumento di interpretazione ecologica dei boschi attuali”. Le conclusioni dell’incontro saranno affidate a Giulio Ciccalè del settore Forestazione della Regione Marche.

Per il programma degli interventi: www.ambiente.regione.marche.it






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-11-2010 alle 16:04 sul giornale del 12 novembre 2010 - 713 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, matelica, seminario, biodiversità, Riserva naturale regionale dei Monti San Vicino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/egA





logoEV
logoEV