San Severino: Martini sulla giovane italia, fantasmi che si agitano in cerca di visibilità

Cesare Martini 3' di lettura 22/12/2010 -

“L’immagine che di San Severino Marche cerca di dare la Giovane Italia non corrisponde assolutamente alla realtà. Quello che si registra è un agitarsi di fantasmi in cerca di visibilità e nulla più. Per questo, oltre che tornare ad invitare questi fantomatici contestatori ad uscire allo scoperto, vorrei chied ere loro di darsi da fare, e non solo a parole”.



Il sindaco Cesare Martini replica seccato all’ennesima critica lanciata dalle pagine dei giornali “da chi – spiega – non ha né un nome né un volto ma una semplice sigla e che però, stranamente, riesce a dar fiato alle trombe. L’associazione, infatti, non risulta iscritta da nessuna parte, non risulta avere né un presidente né un consiglio direttivo – aggiunge Martini che precisa - Replicare a certe accuse, dunque, è come parlare al vento e, in questo caso, non solo non c’è più sordo di chi non vuol sentire ma non c’è nessuno a cui poter parlare. Ma veniamo ai fatti. Prima si chiedono interventi per la strada che dal piazzale della scuola primaria di Cesolo scende verso la provinciale e poi si parla, più genericamente, di strade come piste da hockey. Ebbene, come spiegano nel primo caso i fantasmi della Giovane Italia, il tratto di strada che costeggia le mura della ex villa Battibocca per terminare all’incrocio con l’ex statale “ha iniziato a degradarsi qualche anno fa”.

Ma nessuno, sottolineo nessuno, ha fatto nulla. E quell’eredità chi amministra la città oggi se l’è ritrovata sul groppone. E’ facile dire che servono interventi quando lo Stato ogni giorno continua ad abbattere la sua scure sulle amministrazioni locali, è facile dire che si può fare di più quando realtà come la Giovane Italia stanno solo a guardare e si permettono di criticare. Tempo fa i fantasmi si agitarono dicendo che i giardini pubblici erano sporchi. Li invitai a prendere insieme a me la ramazza ma loro se la sono data a gambe ed il Comune, con i pochi operai a disposizione e registrando la disponibilità dei pensionati di Cna, è intervenuto ed ha fatto, come sempre, il suo dovere. Lo stesso discorso si ripete oggi per le strade. La neve, è ovvio, può creare qualche inevitabile disagio. L’Amministrazione però, a differenza di quanto vanno dicendo i fantasmi agitandosi di nuovo, è prontamente intervenuta allertando operai e tecnici nel cuore della notte.

Padri di famiglia che sono scesi dal letto e senza guardare l’orologio si sono messi al lavoro ed hanno lavorato ben oltre ogni turno. Il risultato? I cittadini ringraziano, la Giovane Italia critica. Al fianco dei nostri operai sono subito scesi in campo anche i volontari della Protezione Civile che hanno un cuore immenso e sui quali si può sempre contare. Il risultato? L’Amministrazione ringrazia, la Giovane Italia critica. Non è con gli attacchi che si risolvono i problemi – conclude il sindaco – A questi fantasmi vorrei dire datevi da fare, ma costruttivamente. Incontriamoci, mettetevi a disposizione se siete così volenterosi. Vorrei ricordarvi che il senso civico non è scontato anagraficamente e non si acquisisce né urlando né tantomeno denigrando la propria città. Alla prossima nevicata il Comune sarà ben lieto di arruolarvi come spalatori volontari”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-12-2010 alle 16:20 sul giornale del 23 dicembre 2010 - 629 letture

In questo articolo si parla di politica, san severino marche, Comune di San Severino Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/fJ5