San Severino: Martini esprime solidarietà a Chiodi ed Aronne

Cesare Martini 3' di lettura 18/01/2011 -

“La politica non può scendere a livelli così bassi. Delle infamanti accuse ricevute dall’assessore comunale alla Cultura, Alessandra Aronne - incentrate tutte su questioni personali, addirittura sulla sua attività lavorativa a servizio della comunità -, e dal consigliere Gilberto Chiodi, oltre che da altri membri della maggioranza, a questo punto dovrebbe occuparsi la magistratura. Personalmente sto preparando un esposto perché sia chiaro a tutti che un conto è la libertà di espressione, altro è l’insulto gratuito nei confronti di chiunque esso sia. Già nel corso dell’ultimo Consiglio comunale si era registrata una brutta pagina ma ora si è oltrepassato ogni limite. Forse si vuole imitare la politica nazionale ma il nostro modo di fare politica è altro. I cittadini ci chiedono qualcosa di molto diverso”.



Il sindaco di San Severino Marche, Cesare Martini, in una nota inviata agli organi di informazione chiede “rispetto e maggiore attenzione alle cose che si pubblicano. Personalmente – dice – mi impegno ad abbassare i toni ma credo che analoga operazione dovrebbe essere esercitata da tutti gli attori in campo. A San Severino sta accadendo qualcosa di poco edificante. Ci sono gruppi minoritari, fatti di poche anime che magari in passato hanno avuto frequentazioni con la politica o che si stanno avvicinando ad essa, che stanno alimentando un clima non bello. Non vorrei scendere sul piano di chi alimenta lo scontro ed è per questo che mi fermo qui, senza citare singoli episodi. Certo è che quando un assessore o un consigliere vengono minacciati apertamente, o semplicemente offesi, nei messaggi che compaiono su di un social network credo che certi limiti si siano veramente superati. Oltre ad invitare ad abbassare i toni – conclude Martini – vorrei fare anche un altro appello: vorrei dire, a chi lancia il sasso e poi ritira la mano, di guardarsi allo specchio. Chi si nasconde dietro l’anonimato, chi offende e poi ritratta, chi scrive e poi nega di essere l’autore di certi pensieri, dovrebbe vergognarsi anzitutto di sé stesso. Le idee si possono condividere o meno ma le azioni che le accompagnano, se violente ed offensive, vanno però condannate da tutti e senza indugi”.

Profondamente turbato per quanto accaduto in questi giorni, e puntualmente fissato nei messaggi di Facebook della sua e di altre bacheche, l’assessore Alessandra Aronne definisce i commenti ricevuti “immeritatissimi. Penso che nemmeno la campagna elettorale più sfacciata dia diritto ad usare certi sistemi denigrativi, privi di fondamento. Nel mio profilo non sono segnalati né l’orientamento politico, né quello religioso, né il fatto che io faccia, oltre l’insegnante, l’assessore comunale. Si valutano le mie amicizie personali che ho sempre concesso a tutti coloro che si sono proposti, a meno che non pubblicassero oscenità. Non sono mai intervenuta direttamente, sono stata tirata dentro da chi è andato a controllare le amicizie di altri. In questa “invasione” la politica non può entrarci nulla, qui si supera ogni limite consentito”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-01-2011 alle 19:39 sul giornale del 19 gennaio 2011 - 918 letture

In questo articolo si parla di politica, san severino marche, Comune di San Severino Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/gs9





logoEV
logoEV