San Severino: i Borghi, un anno di impegno per il territorio

2' di lettura 15/03/2011 -

Un anno di successi, per l'Associazione culturale “I Borghi”. Con l'arrivo della primavera del 2011 spegnerà infatti la prima candelina l'impegno per il territorio di cui l'Associazione ha fatto la sua principale attività nei suoi quasi due anni dalla fondazione.



Un'Associazione che ha come finalità di sviluppare temi importanti per San Severino Marche, aprire un dibattito sulle questioni chiave per il futuro della città e offrire alla cittadinanza spunti per una discussione e un confronto costruttivo per la crescita del territorio. Un anno fa si aprì questo percorso puntando l'attenzione su uno dei più dibattuti deficit della vallata del Potenza, la viabilità, tema sul quale “I Borghi” sono recentemente tornati con un convegno sul progetto Quadrilatero che, ad oggi, rappresenta la più importante leva di sviluppo infrastrutturale tra Marche ed Umbria ed anche il più grande rischio di isolamento permanente che sta minacciando San Severino.

Argomento che l'Associazione non intende abbandonare nei prossimi mesi. L'estate 2010 ha segnato il ritorno della festa di Elcito, ultima frazione settempedana alle pendici del Monte San Vicino, da anni caduta in disuso, che “I Borghi” hanno voluto ripristinare ed arricchire con una valenza culturale. Quindi, dall'autunno 2010 a oggi, conferenze incontro sull'archeologia – con le nuove scoperte sul parco di Septempeda – e sui disturbi del linguaggio – in collaborazione con le scuole, per un approfondimento sulla dislessia –, nonché un momento di analisi, a inizio marzo, sulla situazione di legalità e sicurezza nel Maceratese.

Da quest'ultima è emerso, attraverso l'indagine della Guardia di Finanza, come sia concreto il rischio di infiltrazione massiccia nel tessuto economico locale di un artigianato sotterraneo fatto di laboratori silenziosi, non interessati all'integrazione, che minano in maniera subdola e sleale il sistema della piccola e media impresa che ha reso il sistema produttivo marchigiano uno tra i più solidi d'Italia.

Prossimo appuntamento con “I Borghi” per il territorio fissato a inizio aprile, il 9, quando si parlerà di paesaggio e agricoltura assieme alla Coldiretti Macerata e a SlowFood condotta dei Sibillini. Parteciperanno all'incontro anche il Centro analisi sensoriale di Matelica, Confindustria Turismo Macerata e l'Associazione “I tesori di San Severino”.

Ospite speciale sarà Piero Bevilacqua, Professore ordinario di storia contemporanea all’Università La Sapienza di Roma, illustre voce a testimonianza di come la cura della propria terra possa modellarne le forme ma anche le impostazioni di vita di chi la abita. Motivo particolarmente valido per avere ancora più a cuore la difesa – e la promozione – di un territorio






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-03-2011 alle 16:12 sul giornale del 16 marzo 2011 - 701 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, san severino marche, Comune di San Severino Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/iu3





logoEV
logoEV