Provinciali: la Federazione della Sinistra accusa, PD, IDV e SEL sfuggono al confronto

rifondazione comunista 2' di lettura 20/03/2011 -

In vista delle imminenti elezioni provinciali, si è tenuto ieri sera l'incontro promosso dalla Federazione della Sinistra al quale erano state invitate tutte le forze di centro sinistra che hanno governato la provincia di Macerata fino al 2009.



Erano presenti, oltre alle forze che compongono la Federazione della Sinistra (Rifondazione e Comunisti Italiani), il Partito Socialista Italiano, con il segretario provinciale Ivo Costamagna, ed i Verdi con il segretario regionale Gianluca Carrabs. Assenti, senza alcuna motivazione, il Partito Democratico, l'Italia dei Valori e Sinistra Ecologia Libertà. La discussione si è incentrata sugli scenari che si prefigurano, e tutti hanno concordato sul fatto che la chiusura del PD sulla possibilità di ragionare insieme a tutto il centrosinistra, pregiudica pesantemente la possibilità di vittoria contro le destre.

Ma l'aspetto che più ha sorpreso tutti i convenuti, è stata la rumorosa assenza di SEL che, tramite il suo responsabile provinciale Esildo Candria, si è ripetutamente dichiarata sulla stampa, in modo roboante, contro la candidatura a presidente della provincia di Antonio Pettinari proposta dal PD. Si sono inoltre affrontati alcuni temi programmatici, come il governo del territorio e l'ambiente, sui quali si sono evidenziate sensibilità comuni, così come si è discusso su di una ipotesi di costruzione di alleanza a sinistra, una coalizione cioè che sia espressione di una sinistra che ha a cuore un programma e idee comuni. Discussione che è rimasta però monca a causa l'assenza di SEL.

A questo punto, per la Federazione della Sinistra, non è esclusa nessuna ipotesi. È chiaro, inoltre, che la responsabilità della rottura del centro sinistra che ha governato la Provincia e governa ancora oggi unito in numerosissimi importanti comuni, è da addebitarsi solo ed esclusivamente all’irresponsabilità politica del PD che aveva il compito di tenere unito il quadro politico. La Federazione della Sinistra, dunque, si ritiene oggi libera di assumere decisioni non solo rispetto alle elezioni provinciali, ma anche sulle possibili alleanze elettorali dei comuni che si accingono al voto nell’imminente tornate elettorale.

Roberto Di Fede Segretario provinciale Partito della Rifondazione Comunista
Giuseppe Pieroni Segretario provinciale Partito dei Comunisti Italiani






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-03-2011 alle 20:04 sul giornale del 21 marzo 2011 - 647 letture

In questo articolo si parla di rifondazione comunista, politica, comunisti italiani, Partito della Rifondazione Comunista, Partito dei Comunisti Italiani, federazione della sinistra, roberto di fede, Giuseppe Pieroni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/iFY





logoEV
logoEV