San Severino: vandali imbrattano il murales, il sindaco esprime sdegno e indignazione

2' di lettura 04/04/2011 -

 Il sindaco di San Severino Marche, Cesare Martini, ha espresso “sdegno ed indignazione” dopo che ignoti, approfittando probabilmente del buio, hanno imbrattato una delle opere realizzate dagli writers che hanno aderito al progetto “FFWD”, promosso dall’Amministrazione comunale e destinato alla realizzazione di murales in alcuni spazi pubblici situati nelle zone di periferia.



“La nostra iniziativa, presentata lo scorso anno per abbellire aree altrimenti destinate al degrado – sottolinea ancora il sindaco - mira proprio a valorizzare un’arte giovane e carica di potenza espressiva ma anche, e soprattutto, a farla uscire dall’illegalità di chi, diversamente, se ne serve per imbrattare le strutture, sia pubbliche che private. Il vile gesto compiuto da ignoti – conclude Martini – offende la comunità tutta ma ancor di più l’autore del murales ed i giovani writers che hanno aderito al progetto e che sono straordinari artisti e persone serissime.

Se qualcuno voleva esprimersi lo poteva fare liberamente, questo il senso che ha dato vita all’iniziativa sostenuta dal Comune, senza andare a rovinare stupidamente la libertà espressiva e creativa di altri. Faremo di tutto per trovare gli autori di questo ignobile gesto e chiederemo una giusta punizione senza alcuno sconto perché non lo meritano veramente”. Il lavoro rovinato, che non era stato ancora completato, già abbelliva un muro di contenimento in località Sassuglio. Nell’opera sono rappresentati un cacciatore spalla a spalla con un alce.

Un paio di lettering danno forma, colore e movimento all’insieme ed un testo doveva lanciare un messaggio di chiusura. “Volgari immagini e frasi inutili – spiegano i ragazzi di FFWD – sono comparse a spray nero lucido sopra il lavoro. Più della metà del muro era libera, ma chi ha deciso di sfregiare ha ovviamente puntato a rovinare il bello, non a popolare il vuoto. Tendiamo ad escludere matrici di qualsiasi genere dietro al gesto imputabile, con buona probabilità, alla maleducazione ed all’ignoranza di qualche ragazzino. Accanto al puppet abbiamo lasciato un messaggio che speriamo apra gli occhi a qualcuno. C’è scritto: “Il vero vandalismo è venuto dopo di noi”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-04-2011 alle 17:30 sul giornale del 05 aprile 2011 - 804 letture

In questo articolo si parla di attualità, san severino marche, Comune di San Severino Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/jeA





logoEV
logoEV