Castelraimondo: il sindaco Marinelli lancia l'appello ai sindaci dell'entroterra sulla sanità

sanità 1' di lettura 03/04/2012 - Un appello ai sindaci dell'entroterra per fare quadrato sul tema della sanità è stato lanciato dal sindaco Renzo Marinelli.

“Ho chiesto ai colleghi dei comuni limitrofi dell'entroterra ed ai presidenti delle comunità montane di poterci incontrare insieme, per parlare dei forti rischi di ridimensionamento che stanno correndo le strutture sanitarie dell'entroterra. Sarebbe opportuno ritrovarsi insieme e discutere prima della convocazione della conferenza dei sindaci, da parte dell'area vasta tre che ormai ha dimensione provinciale”. La sanità locale mostra forti segni di sofferenza come rileva Marinelli: “Dobbiamo difendere i servizi presenti sul territorio, portare avanti il discorso dell'ospedale per l'entroterra montano, opponendoci con forza a ridimensionamenti e chiusure”. Forti timori di chiusura di alcune strutture a San Severino e Matelica, trasferimento di una parte del personale e carenza di operatori in alcuni settori della sanità, sono tra i temi del dibattito che si sta facendo sempre più forte, in vista della riorganizzazione sanitaria in atto a livello provinciale e regionale. “Tante volte ci siamo incontrati e abbiamo fatto discorsi di collaborazione, che però sono rimasti solo parole – ha detto il sindaco Marinelli – adesso è il momento di fare sinergia per essere pronti alla sfida, mettendoci al servizio dell'interesse di tutto l'entroterra montano, superando limitanti logiche di campanile”.


dal Comune di Castelraimondo
www.comune.castelraimondo.mc.it





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-04-2012 alle 17:57 sul giornale del 04 aprile 2012 - 424 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, castelraimondo, comune di castelraimondo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/xll